Intervista a James Williamson e Deniz Tek, il duo presenta il disco “Two to One”

L'ex Stooges James Williamson e Deniz Tek dei Radio Birdman presentano il disco che ha cementato la loro collaborazione

James Williamson e Deniz Tek sono due musicisti dalle carriere a tratti simili. Un incontro, quasi per caso, ha creato una fantastica collaborazione che ora ha prodotto il disco “Two to One“.
Un bellissimo mix della bravura con la chitarra di entrambi e della loro grande passione. Proprio con loro abbiamo parlato del nuovo disco, della situazione che stiamo vivendo e dei progetti per il futuro.
Ecco cosa ci hanno raccontato:
Salve James e Deniz, benvenuti su CronacaTorino! Questo periodo ha cambiato drasticamente le nostre abitudini. Come lo state passando?

James Williamson: Beh, ovviamente è difficile per tutti in molti modi, ma per quanto riguarda la nostra musica siamo stati molto fortunati. Avevamo completato tutte le nostre tracce e mixato l’intero album poco prima che si chiudesse tutto qui negli Stati Uniti. L’unica cosa che era rimasta era la stampa dei prodotti finali. Cleopatra, la nostra etichetta discografica, è riuscita a fare in modo che potessimo spedire i prodotti a settembre.
Deniz Tek: Per i musicisti e molti altri, ovviamente le cose sono difficili. La musica dal vivo è praticamente scomparsa. Come molti altri, ho dovuto cancellare i tour. Fortunatamente abbiamo finito di lavorare su “Two to One” appena prima che le cose si fermassero.
Come è nata la collaborazione tra voi?
James Williamson: Con Acoustic K.O. Ho incontrato Deniz e Anne Tek per la prima volta nel 2011 durante lo spettacolo Ron Asheton Tribute al Michigan Theatre di Ann Arbor. Deniz era stato un buon amico degli Asheton (essendo di Ann Arbor come loro) e quella sera gli era stato chiesto di suonare su alcuni dei vecchi brani degli Stooges. Più tardi siamo rimasti in contatto durante i periodi in cui avrei visitato l’Australia in tour con gli Stooges e si è scoperto che spesso visitava la Big Island delle Hawaii come abbiamo fatto io e mia moglie. Proprio durante uno dei nostri incontri sulla Big Island Deniz ha proposto di registrare alcune canzoni acustiche insieme.
Più tardi quel giorno, facendo un’escursione in una zona remota della Big Island, ci siamo imbattuti in alcuni camion abbandonati. Anne ha tirato fuori la telecamera e ha detto “ecco la copertina del tuo disco!”.
Stranamente, in uno sviluppo parallelo, un fan di lunga data e un incredibile collezionista di Stooges Memorabilia, Hakan Beckman, aveva suggerito un paio di anni prima che Night Theme dovesse essere orchestrato. Inoltre, aveva sviluppato una copertina di un album fantasy chiamata “Acoustic K.O.” Amavo quelle idee e ora avevo il veicolo per realizzarle. Quindi, è così che è iniziato tutto.
Tuttavia, una volta che abbiamo iniziato a registrare, l’album ha assunto una vita propria. Se questo doveva essere “Acoustic K.O.”, beh doveva essere interamente acustico. Michael Urbano ha tirato fuori la sua vecchia batteria degli anni ’20 e Gregg Foreman ha usato il mio vecchio organo a pompa degli anni ’30 e un pianoforte. Le chitarre ovviamente erano acustiche, e l’unica eccezione era il basso che Bob Glaub suonava. Si trattava di un vecchio Kay dal corpo cavo poiché un montante non suonava bene per queste canzoni. La sezione dei fiati ha completato il tutto. Per Night Theme, ho chiesto l’aiuto di Mark Culbertson, musicista straordinario, che aveva suonato il contrabbasso per me negli album “Ready to Die” e “Re-Licked” per fare l’arrangiamento. Ha fatto un lavoro straordinario! Sono riuscito a trovare un incredibile gruppo di musicisti chiamato “The Awesome Orchestra” di Berkeley, CA.
Ad ogni modo, avevamo imbastito questa collaborazione e stavamo lavorando quando, da Cleopatra Records, ci hanno contattato per creare un disco. Avevo fatto un certo numero di canzoni una tantum per i dischi della Cleopatra di altri artisti e quindi sentivo un legame con la compagnia ed è stato naturale farlo. Dopo molte discussioni io e Deniz ci siamo messi d’accordo e il risultato è “Two to One”
Deniz Tek: James stava lavorando per altri artisti della Cleopatra Records – Mitch Ryder, Robert Gordon e altri. Lui può essere più specifico in merito. Apparentemente stava andando tutto molto bene, e Matt Green suggerì a James di fare un album insieme. James mi ha chiesto se fossi interessato. Lo ero e quindi… Eccoci qui!
Two to One è veramente pazzesco. C’è una canzone a cui siete particolarmente legati?
James Williamson: Francamente, mi piacciono tutte. “Jetpack Nightmare” è una traccia stravagante, “Take a Look Around” è un classico. “Good as Gone” è puro rock. “Stable” parla da sé e “No Dreams” è un po’ magica credo.
Deniz Tek: Grazie. Mi piacciono molto tutte le canzoni dell’album. Non c’è un qualcosa di messo lì per riempire. “Small Change” mi sorprende sempre, in senso positivo, perché è così diversa da qualsiasi altra cosa io abbia mai fatto.
Come create una canzone? Da dove arriva l’ispirazione?
James Williamson: Quello che faccio io è semplicemente inventare alcuni riff che mi piacciono e se continuano a piacermi dopo alcuni giorni… Ci metterò un po’ di carne sulle ossa e completerò con delle modifiche o con qualunque cosa di cui sento che la canzone ha bisogno. Quindi lascio che sia qualcuno con cui lavoro a fare i testi (dato che non ne scrivo molti).
Deniz Tek: Di solito ricevo idee di canzoni casuali mentre improvviso spontaneamente alla chitarra. Riff o progressioni di accordi sembrano spuntare dal nulla. Se sono abbastanza fortunato da tirare fuori un bel riff, lo salvo subito sul telefono, altrimenti lo cancello dalla mente. Alla fine avrò abbastanza pezzi per iniziare ad assemblare delle canzoni da loro, come avere un puzzle.
Nelle canzoni di questo disco si sente la vostra unione e la vostra grande passione. Qual è il vostro segreto?
James Williamson: Nel mio caso, l’emozione è sempre stata ciò che ha guidato la mia musica… Quindi viene molto naturale. Senza emozione e passione la musica è senza vita.
Deniz Tek: L’unico segreto è che non ci sono segreti. Il successo artistico, non commerciale, deriva dal duro lavoro e dall’integrità, ma fondamentalmente dal non essere disposti a compromettere i propri valori.
Qualche chance di sentire questo disco dal vivo?
James Williamson: Personalmente ne dubito avendo appeso al chiodo le “scarpe da tour”, ma non so cosa farà Deniz dato che sta ancora facendo spettacoli dal vivo.
Deniz Tek: Non abbiamo piani per un tour.
Tutti e due avete incredibili carriere alle spalle… Progetti per il futuro?
James Williamson: Mi sto proiettando in avanti per superare il Covid-19 e arrivare dall’altra parte.
Deniz Tek: Attualmente sto lavorando a delle canzoni per un altro album solista. Radio Birdman è fermo al momento come progetto. Sono sempre però aperto a cose nuove… Vedremo cosa succederà!
C’è un musicista con cui ti piacerebbe collaborare?
James Williamson: Mi sento come se avessi lavorato con tutti quelli che volevo, tranne forse Bob Dylan. Mi piacerebbe molto, anche se mi è stato detto di fare attenzione a ciò che desideri.
Deniz Tek: Oltre a James? Forse Garland Jeffreys.
Noi siamo, come sapete, italiani. Avete qualche ricordo legato al nostro Paese?
James Williamson: Amo l’Italia… Quando ero in tour con gli Stooges dal 2009 al 2014, siamo stati in Italia molte volte e lì ho sempre vissuto belle esperienze. Tornavo nel vostro Paese anche prima dei Tour perché è semplicemente meraviglioso.
Deniz Tek: Sono stato in tour in Italia letteralmente dozzine di volte negli ultimi 30 anni. Ho suonato ovunque, dai grandi festival ai club di tutte le dimensioni ai più piccoli. Le persone sono meravigliose. Amo l’Italia e non esiterei mai a tornarci.
Ultima domanda: un messaggio per i fans italiani
James Williamson: Grazie per tutto il vostro supporto e i vostri ricordi. State al sicuro.
Deniz Tek: Solo “grazie mille”. Grazie per tutto il supporto che avete dato alle mie band, a me e al rock in generale nel corso degli anni. Continua a rockeggiare Italia, il mondo ha bisogno di te. (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here