Fondazione Poliambulanza entra nella rete di eccellenza per il trattamento delle Malattie Infiammatorie Intestinali

Circa mille pazienti lo scorso anno si sono rivolti a Fondazione Poliambulanza per la cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI)

Circa mille pazienti lo scorso anno si sono rivolti a Fondazione Poliambulanza per la cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), come la malattia di Crohn, colite ulcerosa e altre infiammazioni della mucosa dell’intestino. E per la qualità dei trattamenti offerti l’ospedale bresciano è stato oggi ammesso nelle fila di una importante società scientifica, IG-IBD, Gruppo Italiano per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, che promuove la ricerca clinica e di base a livello nazionale e internazionale. Tra 150mila e 200mila sono le persone in Italia affette da queste patologie complesse, che impattano notevolmente sulla qualità di vita e che hanno un alto costo anche per il paziente. Secondo i dati di una associazione di pazienti (AMICI) ogni anno le famiglie con una persona colpita da queste malattie devono affrontare una spesa di circa 750 euro.
Ogni anno sono 10,5 su 100 mila abitanti i nuovi casi che si registrano in territorio nazionale. Complessivamente 100 su 100mila abitanti sono affetti da malattia di Crohn, e 121 su 100mila abitanti da colite ulcerosa.
Alla IG-IBD aderiscono gastroenterologi, chirurghi, anatomo-patologi, biologi, nutrizionisti, statistici. “Siamo lieti di accogliere Poliambulanza nel nostro gruppo – esordisce il prof. Alessandro Armuzzi, Segretario Generale della IG-IBD -. È per noi un’occasione per ampliare la Rete e godere di un importante contributo non solo clinico ma anche scientifico. Ma soprattutto di collaborare per un obiettivo comune: la diffusione della conoscenza e il miglioramento delle cure”.
“L’alleanza terapeutica e l’approccio multidisciplinare rappresentano un aspetto indispensabile nella cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali – chiarisce Cristiano Spada, Responsabile Unità Operativa di Endoscopia Digestiva di Fondazione Poliambulanza -. Nello specifico il morbo di Crohn può presentare, infatti, manifestazioni extra-intestinali ed interessare anche le articolazioni, il fegato, gli occhi e l’epidermide. È quindi necessario il coinvolgimento di esperti afferenti a diversi ambiti disciplinari”. Altro elemento che caratterizza le MICI è la cronicità. “Un paziente affetto da colite ulcerosa o da malattia di Crohn – continua il dott. Cristiano Spada – è un paziente medicalizzato a vita, che ha necessità di assumere farmaci costantemente e di sottoporsi a controlli periodici e continui. La ricerca costituisce, quindi, l’unica arma a disposizione per migliorare lo scenario futuro”.
La qualità della vita dei pazienti può essere compromessa; dolori addominali, spossatezza, sanguinamenti, urgenza di correre al bagno sono infatti i sintomi che caratterizzano le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali. Ed è proprio per dare un contributo concreto non solo in termini di ricerca scientifica, che Poliambulanza collabora attivamente con AMICI-Lombardia (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali).
Su questa linea il 4 maggio si terrà un incontro tra medici e pazienti dal titolo “Le malattie infiammatorie croniche dell’intestino: tra vecchie certezze e nuovi orizzonti”. L’evento fornirà l’opportunità per un confronto tra pazienti e medici. I pazienti avranno l’occasione per manifestare i propri dubbi, paure e necessità mentre i medici avranno la possibilità di capire ed orientarsi verso i bisogni più sentiti dei pazienti. Sarà inoltre l’occasione per fare il punto della situazione circa le novità in ambito diagnostico e terapeutico.
Poliambulanza così entra in modo diretto nel mondo dei pazienti e al contempo insieme agli altri centri della IG-IBD si impegna a creare le basi per un cambiamento necessario.
“L’entrata nella rete dà una visibilità internazionale al nostro Istituto Ospedaliero – conclude Spada -. Sempre più medici di base, specialisti e pazienti avranno modo di conoscerci e di usufruire delle cure offerte”.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Intermedia/Fondazione Poliambulanza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here