Esplorazione dello Spazio, tempo di nuove regole

L'era pioneristica durerà ancora molto a lungo, ma l'era commerciale oltre la Terra sta iniziando ed è imprescindibile dotarsi di regole.

“You can now make money with space investment”. È questo il motto degli impreditori della nuova space economy. Un’economia spaziale alle prese con la prospettiva dello sfruttamento commerciale dello spazio. Dopo aver legalizzato il commercio privato di materiale proveniente dagli asteroidi, l’America prosegue con gli sforzi volti a migliorare l’ambiente normativo in questa nuova economia: sono in corso, infatti, nuovi interventi di regolamentazione dello spazio commerciale da parte del Dipartimento Commerciale USA. Inoltre, nell’ultima riunione del National Space Council, avvenuta il 21 febbraio 2018, sono state presentate alcune proposte normative, con lo scopo di estendere le attività commerciali e promuovere gli investimenti da parte di privati e di stranieri negli Stati Uniti. L’obiettivo degli sforzi di questa riforma è quello di semplificare le normative spaziali ed eliminare quelle obsolete o non necessarie. Questo gioverebbe, ad esempio, al telerilevamento commerciale, in cui le aziende spesso si trovano a dover aspettare molti mesi – in casi estremi, anni – per le revisioni governative delle loro domande di licenza.
Un tema che non riguarda solo gli Stati Uniti, ma tutto il mondo. Italia compresa. L’approvazione della nuova legge di riordino del settore, infatti, che pone le attività dell’Agenzia Spaziale Italiana sotto la responsabilità diretta della Presidenza del Consiglio, rappresenta un passo importante per permettere alle aziende del settore aerospaziale di fare sistema sotto la regia dell’ASI, garantendo le infrastrutture spaziali necessarie per la crescita del settore, per renderlo sempre più competitivo in ambito internazionale.
“L’Italia ha una capacità molto marcata in diversi punti della filiera spaziale e la sfida sarà mantenere la stessa competitività anche nello sfruttamento dei dati di osservazione della Terra”, ha commentato il Presidente dell’ASI, Roberto Battiston. “e-Geos, la partecipata tra Telespazio e Asi, leader nell’informazione geo-spaziale ha incrementato nel 2017 di oltre il 30% i ricavi collegati allo sfruttamento delle informazioni raccolte attraverso Cosmo-SkyMed. È la dimostrazione che questo mercato sta davvero decollando”, ha concluso Battiston.
Paolo Messa, Direttore del Centro Studi Americani, sottolinea che “l’amministrazione americana ha compiuto una scelta molto chiara: investire ancora più massicciamente nello spazio e nella sua industria. Casa Bianca, Congresso e NASA stanno convergendo su nuove policy che hanno l’obiettivo di moltiplicare le opportunità commerciali. In Italia se ne parla poco ma è evidente che si tratta di una opportunità significativa per il nostro Paese. Se il mercato spaziale si apre noi possiamo giocare la partita da protagonisti, sia per il nostro rapporto speciale con gli Stati Uniti sia per le competenze che abbiamo con la nostra Agenzia Spaziale così come con le nostre imprese”.
Lo spazio è una realtà che sta passando dall’era pioneristica a quella commerciale. O meglio, l’era pioneristica durerà ancora molto a lungo, ma l’era commerciale oltre la Terra sta iniziando ed è imprescindibile dotarsi di regole.
Foto: wikipedia.org
Fonte: Ufficio Stampa ASI/Newsletter Global Science/Ilaria Marciano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here