Imoco Conegliano – Igor Volley Novara 3-1 Champions League, sconfitta per le novaresi

Sconfitta in quattro set, all’esordio stagionale in Champions League, per la Igor Volley Novara di Massimo Barbolini in quel di Villorba.

Sconfitta in quattro set, all’esordio stagionale in Champions League, per la Igor Volley di Massimo Barbolini in quel di Villorba. Le azzurre pagano una serata complessivamente negativa e non riescono a dare continuità, dopo due parziali dominati dalle padrone di casa, all’ottima prestazione offerta nel terzo parziale. Nell’altro match del girone, il Fenerbahce ha vinto 1-3 in casa dell’Agel Prostejov nell’anticipo di ieri.
Le padrone di casa scendono in campo con il sestetto migliore possibile, potendo schierare tutte e cinque le straniere titolari (in Champions League non vi è, come in Italia, il limite di 4 straniere in contemporanea in sestetto), con Fabris opposta a Wolosz, Danesi e De Kruijf al centro, Bricio e Hill in banda e De Gennaro libero; Novara risponde con Egonu in diagonale alla regista Skorupa, Chirichella e Gibbemeyer al centro, Piccinini e Plak in banda e Sansonna libero.
Il primo punto è di Egonu (0-1), poi Bricio fa il break in battuta (3-1) e tre punti in fila di De Kruijf valgono l’8-5 per le venete. Le azzurre rientrano 8-7 ma di fatto l’equilibrio finisce lì: Fabris allunga 11-7, poi 15-9 in diagonale e poco dopo, sul 18-10, Barbolini ferma il gioco; non si ferma, però, Conegliano nonostante il cambio di diagonale della Igor (in campo Camera ed Enright) e Bricio fa 22-12. L’ultima reazione azzurra è di Enright (22-13), poi le padrone di casa chiudono 25-13.
Riparte subito forte Conegliano, complici due errori azzurri, che prima va 3-0 e poi passa 8-4 al primo timeout tecnico con Hill; Novara rientra 8-6, Gibbemeyer prima ed Egonu (due volte) poi, commettono tre errori che lanciano le ospiti sul 13-7, Barbolini si affida a Bonifacio e Vasilantonaki e sul servizio della greca le azzurre accorciano 15-13 prima della diagonale di Bricio (16-13) che porta le squadre al secondo timeout tecnico. Nuovo break sul servizio di Bricio (20-14) con Danesi a segno in primo tempo, Chirichella e Vasilantonaki (21-16) provano a ricucire lo strappo e l’ace di Skorupa (21-18) porta Santarelli a chiamare timeout; al ritorno in campo Fabris propizia il nuovo strappo con un gran turno in battuta, chiuso con l’ace del 25-18.
Botta e risposta in avvio di terzo set: Wolosz fa il break (3-0, ace) e Barbolini ferma il gioco, Novara affida la reazione a Plak (3-3) ed Egonu fa 5-6 in diagonale ma al primo timeout tecnico un tocco a rete di De Kruijf riporta avanti le venete 8-7. Novara rimane in scia con Gibbemeyer (fast, 10-10) ed Egonu (13-13), poi Chirichella al servizio firma il sorpasso (13-14, ace) e propizia un break positivo che porta la Igor 13-17 sulla diagonale di Egonu. Ancora Egonu per il 15-19, poi Chirichella mura Fabris e fa 16-21 con Santarelli che chiama timeout; Plak firma il 16-22 in parallela, Nicoletti entra e accorcia 18-23 a muro, Bricio trova due ace per il 20-23 e stavolta è Barbolini a fermare il gioco. Plak conquista il set ball (20-24) e un errore di Nicoletti in attacco chiude il set sul 20-25
Il turno in battuta di Skorupa propizia il break azzurro (ace, 2-5) e il timeout di Conegliano, che poi accorcia 4-5 e Novara mantiene il vantaggio al primo timeout tecnico nonostante tre errori ravvicinati di Egonu, che poi si riscatta firmando il 7-8. Due muri su Egonu e Plak riportano avanti Conegliano e costringono Barbolini al timeout (11-9), Fabris e Hill trascinano le venete avanti al secondo timeout tecnico sul turno in battuta di Danesi (16-10) e dopo un altro errore di Egonu (18-10) Barbolini inserisce Vasilantonaki. Chirichella ferma il break (18-11) ma De Kruijf scappa nuovamente a muro (21-12) e Hill conquista in pipe il match ball sul 24-14: chiude, poco dopo, un ace di Wolosz per il 25-14.
Massimo Barbolini (allenatore Igor Volley): “Abbiamo sicuramente disputato una pessima prestazione, peccato perché dopo i primi due set siamo riusciti a entrare in partita, giocando bene il terzo set e anche il quarto fino a quando, dopo aver avuto anche qualche pallone per andare avanti di tre punti, abbiamo subito un break pesante che ha chiuso la partita. Questo match deve essere per noi uno spartiacque, dobbiamo crescere e per farlo servirà lavorare di più e meglio”.
Celeste Plak (schiacciatrice Igor Volley): “Per noi è stata una serata molto negativa, abbiamo giocato male, sbagliato tanto e abbiamo perso in maniera pesante. Dobbiamo ripartire da questa sera e lavorare per migliorare, per non ripetere altre partite così. Abbiamo accusato la tensione in avvio, siamo partite contratte, poi dopo un bellissimo terzo set non abbiamo avuto la continuità necessaria a proseguire la rimonta”.
Imoco Conegliano – Igor Volley Novara 3-1 (25-13, 25-18, 20-25, 25-14)
Imoco Conegliano: Bricio 12, Fiori, De Kruijf 16, Cella, Melandri ne, De Gennaro (L), Danesi 8, Papafotiou, Fabris 18, Wolosz 4, Hill 14, Nicoletti 1. All. Santarelli.
Igor Volley Novara: Vasilantonaki 2, Camera, Plak 9, Gibbemeyer 5, Enright 1, Skorupa 2, Bonifacio, Chirichella 9, Sansonna (L), Piccinini 6, Zannoni, Egonu 11. All. Barbolini.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Igor Volley Novara