Olimpiadi Giovanili 2020, Marco Barale vince la medaglia d’oro nella staffetta mista

Una giornata da ricordare, quindi, per il Comitato FISI Alpi Occidentali, che ha conquistato la sua terza medaglia a queste Olimpiadi Giovanili

Marco Barale ITA, Nicolo Betemps ITA, Linda Zingerle ITA and Martina Trabucchi ITA, from Team Italy celebrate at the end of the Biathlon Mixed Relay event at Les Tuffes Nordic Centre in France. The Winter Youth Olympic Games, Lausanne, Switzerland, Wednesday 15 January 2020. Photo: OIS/Simon Bruty. Handout image supplied by OIS/IOC

È arrivata un’altra forte emozione per Marco Barale, che a Les Tuffes ha vinto la medaglia d’oro nella staffetta mista delle Olimpiadi Invernali Giovanili. Il valdierese dello Sci Club Entracque Alpi Marittime, domenica scorsa già argento nella single mixed relay in coppia con Linda Zingerle, è stato grandissimo protagonista nella giornata storica del biathlon italiano, al primo oro olimpico nel biathlon.
Grande la prestazione di tutta la squadra azzurra. La prima frazionista Martina Trabucchi ha chiuso la propria gara al quarto posto riuscendo a terminare la prova senza alcun errore al poligono, non dovendo così ricorrere alle ricariche. Linda Zingerle ha quindi dato la solita super accelerata sugli sci, ha corso un rischio al primo poligono, dove ha utilizzato tutte le tre ricariche a disposizione, per poi proseguire ad alto ritmo nel fondo, sparare bene nella serie in piedi e infine offrire un ultimo giro di altissimo livello, nel quale ha recuperato 17” alla russa Zenova, dando il cambio addirittura al primo posto. Nicolò Betemps in terza frazione si è difeso bene, ha mostrato solidità al tiro, perdendo appena 25” dal russo Irodov, mentre tutti gli altri hanno commesso molti errori. Così Marco Barale ha ereditato il testimone in seconda posizione alle spalle con la Russia, ma con un vantaggio rassicurante su tutte le altre nazioni. Il valdierese ha subito recuperato secondi sul russo Domichek, senza però forzare troppo sugli sci per arrivare lucido al poligono. Una tattica che ha pagato perché nella serie a terra ha coperto velocemente i cinque bersagli, dimezzando lo svantaggio dal russo. Poi ha continuato a recuperare sugli sci per fare l’impresa al poligono in piedi: mentre il russo ha commesso diversi errori, costretto addirittura al giro di penalità, Barale ancora una volta non ha sbagliato, ha sorpassato il russo staccandolo addirittura 40”, regalando di fatto l’oro all’Italia.
Una giornata da ricordare, quindi, per il Comitato FISI Alpi Occidentali, che ha conquistato la sua terza medaglia a queste Olimpiadi Giovanili: un oro e un argento con Marco Barale nel biathlon, un bronzo per Edoardo Saracco nello sci alpino.
Fa festa il biathlon piemontese, il responsabile Gianluca Barale, papà di Marco, l’allenatore Alessandro Fiandino, distaccato dal Centro Sportivo Esercito, oltre allo Sci Club Entracque Alpi Marittime, il presidente Ilvano Rigaudo, gli allenatori Amos Pepino, Rachele Fanesi e Roberto Biarese, oltre al Sindaco Gian Pietro Pepino e tutti i volontari.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa FISI AOC

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here