Fiera Franca Oulx 30 settembre – 1 ottobre 2017, info

A Oulx da ben 523 anni ha luogo la Fiera Franca - Fiera del Grand Escarton, affiancata dalla XXXV rassegna zootecnica dell'Alta Valle Susa.

L’autunno in Valle di Susa è caratterizzato dalla presenza di numerose manifestazioni e sagre che conducono alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e delle tradizioni millenarie del territorio.
Fra queste a Oulx da ben 523 anni ha luogo la Fiera Franca – Fiera del Grand Escarton, affiancata dalla XXXV rassegna zootecnica dell’Alta Valle Susa.
“Sarà una grande Fiera grazie al collaudato modello organizzativo, agli espositori che riempiranno le zone di piazza Garambois, via Roma, piazza Masino mentre la Fiera Zootecnica ed i prodotti tipici delle nostre valli saranno presenti come sempre in Regione sotto la Rocca. Quest’anno abbiamo fatto un gemellaggio con le Fiere zootecniche di Balboutet e Pragelato concludendo il trittico proprio qui ad Oulx il 1 ottobre. Come tutti
gli anni ci sarà un tema caratterizzante: parleremo ed esporremo in via Roma e via Monginevro i costumi tipici grazie alla collaborazione con tutte le amministrazioni e le associazioni del territorio” dichiara il sindaco Paolo De Marchis. Quest’anno l’appuntamento è fissato per sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre. Il programma della prima giornata pone l’attenzione sulle lingue minoritarie con la sesta Giornata delle Minoranze Linguistiche Storiche occitana, francoprovenzale e francese. Ma vediamo il programma nel dettaglio.
Sabato 30 settembre si comincia alle 10 con l’incontro degli allievi dell’Istituto “Des Ambrois” (via M. L. King 10) con Maria Soresina, autrice di “Libertà va cercando: il Catarismo nella Commedia di Dante” a cui segue la proiezione del video di Andrea Fantino “Dante e la lingua d’Oc”.
Nel pomeriggio, alle 14.30, al Parco Jardin dla Tour (piazza Masino) si tiene Let’s go biking, gara promozionale di mountain bike per bambini da 0 a 13 anni con l’olimpionico Andrea Tiberi. Premi e merenda per tutti. Il ricavato dell’evento sarà devoluto all’UGI – Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini.
Per informazioni contattare Elisabetta, tel. 3385075657 – oulxmtbschool@gmail.com.
Alle ore 15 è possibile visitare la mostra per il restauro della Chiesa di San Restituto di Sauze di Cesana alla Casa delle Culture (via Vittorio Emanuele 24) mentre alle 15.30 all’auditorium dell’Istituto “Des Ambrois” ha inizio il convegno culturale dedicato alle lingue minoritarie. Dopo il saluto delle autorità, vi è la presentazione del libro delle favole di Esopo tradotte in francoprovenzale da Teresa Geninatti “La voueulp è lou chin… é aoutre counte”. Segue la presentazione del volumetto sull’abito tradizionale della media Valle di Susa a cura di Marco Rey “La roba savouiarda dla coumba de Souiza”. Agnes Dijaux e Alberto Milesi presentano poi “100 mots du Trésor de la langue”, le 100 parole chiave del francese. Infine, “Dante e i Catari”: incontro con Maria Soresina e visione dei filmati di Andrea Fantino “Dante e la lingua d’Oc”, “Il Consolamentum” e “Credenze e usanze”.
La serata offre dalle ore 21 un concerto con ballo cantato del gruppo musicale la Mesquia, sempre all’I.I.S.S. “Des Ambrois”, e la premiazione del concorso fotografico Carton Rapid Race 2017 alla Casa delle Culture.
Domenica 1 ottobre è la giornata dei “Rudun e cioche” per le vie di Oulx che risuonano dalle 7 alle 10 quando i capi bovini, equini e ovi-caprini attraversano il paese per raggiungere l’area della Fiera in Regione Sotto la Rocca. Qui gli stand espositori e produttori aprono alle 9.
Alle 9.30 autorità e bande musicali con gli Spadonari si radunano per dare inizio alla sfilata istituzionale verso l’area fieristica. Dalle 10.30 numerosi sono gli intrattenimenti: Via Roma in festa; mostre “Il ritorno dello stambecco sulle Alpi Cozie” al Jardin d’la Tour e per il restauro della Chiesa di San Restituto alla Casa delle Culture; percorsi di MTB, rafting e canoraft; esposizione dei costumi tradizionali delle Valli di Susa, Pellice, Chisone e del Briançonese; esposizione di rudun e cioche; animazione con la presenza di bande musicale e gruppi folkloristici. Alle 12 si tengono il saluto delle autorità e le premiazioni mentre dalle 14.30 il pomeriggio è allietato dal concerto della Banda Musicale di Meana di Susa e dall’esibizione dei gruppi folkloristici La Tèto Aut, Lu Pais Briancounès, La Meiro. Il pomeriggio si conclude con la demonticazione: i capi bovini e ovini che scendono dagli alpeggi dell’Alta Valle e quelli presenti in fiera attraversano le vie di Oulx.
Un appuntamento da non perdere che permette al turista appassionato e al ricercatore di sapori inediti di scoprire le bellezze ulcensi, prevedendo la possibilità, oltre che di acquistare i prodotti direttamente dalle aziende agricole o artigiane, anche di soffermarsi nei ristoranti, di scoprire antiche borgate e monumenti. Insomma, una proposta ideale per programmare una giornata o un week-end in Alta Valle di Susa, unendo una visita a un piacevole incontro enogastronomico.
Le origini
Nel 1494 per le strade di Oulx transitarono gli eserciti di Carlo VIII diretti alla conquista del regno di Napoli.
Le schiere di re Carlo imposero sacrifici enormi alla popolazione, come già era avvenuto nel 1453 al passaggio delle truppe di Renato d’Angiò. Per compensare la comunità dai danni subiti, il sovrano permise all’abitato di Oulx di tenere, ogni anno negli ultimi giorni d’estate a partire dal 15 settembre, una fiera franca, libera cioè dalle tasse foranee. Più tardi, nel marzo 1529, Francesco I concederà alla comunità di Oulx di tenere un mercato settimanale nella giornata di sabato.
Ufficio IAT Comune di Oulx
Piazza Garambois 2 – Oulx (To)
Tel. 0122832369
iat@comune.oulx.to.it
Facebook: Ufficio del Turismo Oulx

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here