Denuncia per procurato allarme Trofarello, smentita la voce di “loschi figuri” in paese

Carabinieri-300x220Avrebbe diffuso messaggi allarmistici su presunti tentativi di rapimento ai suoi danni e a ragazzini della zona, ma si era inventata tutto beccandosi così una denuncia per procurato allarme.

.

Secondo quanto spiegato, è successo pochi giorni fa, quando i Carabinieri si sono presentati alla sua porta, una casalinga sulla quarantina, per chiederle conto delle continue voci che circolavano su un presunto furgone che si appostava in varie zone del paese e da cui si erano visti scendere dei loschi figuri. Stando al racconto della donna, costoro avrebbero avvicinato adulti e bambini, lei compresa, tentando di caricarli sul furgone e portarli chissà dove. Peccato fosse tutto falso. Delle facce nuove effettivamente c’erano, ma distribuivano solo volantini.

.

Per dare cassa di risonanza alla presenza della presunta banda criminale in città, la donna aveva usato il noto programma di messaggistica per telefoni cellulari “whatsapp”. Qualcuno aveva preso così sul serio la questione che, allarmato, aveva anche postato su Facebook l’avvertimento a stare attenti a questa fantomatica banda di rapinatori. Pur non vedendo nulla con i propri occhi. Voci che si sono rapidamente rincorse per tutta Trofarello, arrivando fino alle orecchie del sindaco Gian Franco Visca che ha interessato, come logico, i Carabinieri della compagnia di Moncalieri.

.

Dopo alcuni giorni di indagini e di accertamenti, i militari non hanno trovato traccia di quanto si parlava in paese e sono così andati a chiedere conto personalmente alla donna, rintracciata come colei che aveva dato il via all’allarmismo. Dopo alcune domande in cui si chiedevano le prove di quanto affermasse da giorni, la donna non è stata in grado di spiegare e di dimostrare che quello che diceva avesse un qualche fondamento. E così è scattata la denuncia.

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– il nostro staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

PUBBLICITA’ A PARTIRE DA 10 EURO  – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, eventi, mostre o spettacoli, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie.

Massimiliano Rambaldi