Rapina con machete Asti, individuati presunti responsabili

Ieri a conclusione del processo di primo grado, il Tribunale di Asti ha condannato due dei fermati, alle pene rispettivamente di 4 e 5 anni

A giugno dell’anno scorso la città era stata scossa da una aggressione a scopo di rapina, in pieno giorno, di un cittadino nigeriano da parte di tre connazionali.
Secondo quanto spiegato, il video di tale aggressione, che avrebbe ripreso la parte offesa inseguita da tre soggetti armati di machete avvenuta in Corso Matteotti di Asti, fu pubblicato su molti siti web.
In base a quanto appurato, il primo intervento effettuato da una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Asti avrebbe consentito di soccorrere immediatamente la vittima, rapinata di 460 euro e un cellulare e di raccogliere i primi importati dati per risalire ai tre aggressori che si erano dati alla fuga. Una meticolosa attività investigativa fu condotta dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Asti, coordinata dal P.M. della Procura della Repubblica di Asti dottoressa Laura Deodato, che avrebbe consentito in breve tempo di individuare ed identificare i tre presunti responsabili, tutti domiciliati abusivamente in un appartamento di Corso Casale.
Un primo intervento presso il domicilio degli aggressori avrebbe consentito di trarre tutti in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ma avrebbe anche permesso di raccogliere importanti indizi da avvalorare la tesi investigativa circa la loro responsabilità nell’aggressione a mano armata.
Dopo pochi giorni i tre soggetti sono stati scarcerati per la commessa violazione delle norme in materia di stupefacenti, ma poco meno di un mese dopo il GIP del Tribunale di Asti accogliendo la richiesta del PM, supportata dal materiale investigativo acquisito in fase di indagine dai Carabinieri, avrebbe emesso tre ordinanze di custodia cautelare in carcere di cui solo quella a carico di un 24enne cittadino nigeriano, rimane attualmente inapplicata in quanto il soggetto è latitante.
Ieri a conclusione del processo di primo grado, il Tribunale di Asti ha condannato gli altri due cittadini nigeriani entrambi di 25 anni, alle pene rispettivamente di 4 e 5 anni, confermando quindi il provvedimento cautelare che persisteva dall’estate dell’anno scorso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here