Sfruttamento prostituzione Torino, investivano i proventi nella produzione di marijuana

I Carabinieri hanno sequestrato oltre 4.000 piante di marijuana, per un valore di diversi milioni di euro.

Marijuana_02-300x200Prostitute controllate con software spia installati nei loro cellulari, i guadagni della prostituzione reinvestiti nella produzione industriale di marijuana, il botanico esperto in coltivazioni di canapa indiana, i contadini della marijuana e i campi di marijuana realizzati in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la coltivazione, è quanto hanno scoperto i Carabinieri della Compagnia di Torino Oltre Dora in mesi di indagini.
Secondo quanto spiegato, dieci cittadini albanesi sono stati arrestati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di reclutamento, sfruttamento e induzione alla prostituzione, porto abusivo di armi, usura, estorsione, lesioni aggravate e produzione di droga.
I Carabinieri hanno sequestrato oltre 4.000 piante di marijuana, per un valore di diversi milioni di euro.
Foto: wikipedia.org