Truffa pensioni Torino, prendevano l’assegno sociale ma vivevano tra Svizzera e Francia

I Finanzieri, per ora, hanno sequestrato circa 16mila euro depositati sui conti correnti italiani dei due al fine di risarcire il danno

gdfHanno percepito indebitamente, per diversi anni e per migliaia di euro, la pensione da parte dell’INPS. Due persone fittiziamente residenti in Italia sono state denunciate dalla Guardia di Finanza di Torino per truffa ai danni dello Stato.
Secondo quanto spiegato, l’assegno sociale, ricordiamo, interessa tutti quei cittadini italiani, che abbiano compiuto 65 anni di età, che rispettino particolari condizioni reddituali e, naturalmente, siano effettivamente residenti in Italia.
In base a quanto i Finanzieri del Gruppo Torino hanno appurato, i due 70enni erano di fatto da anni residenti rispettivamente in Svizzera e in Francia, ma avrebbero continuato a percepire l’assegno sociale, sottraendo, in tal modo, risorse preziose destinate a chi ne ha realmente diritto.
I vicini di casa dell’ipotetica residenza italiana dei due anziani, compreso qualche parente, non si ricordavano minimamente dell’esistenza dei due “furbetti”, da tempo emigrati all’estero. I Finanzieri, per ora, hanno sequestrato circa 16mila euro depositati sui conti correnti italiani dei due al fine di risarcire il danno stimato in oltre 32mila euro. La tutela delle risorse dello Stato e il contrasto alle frodi alla pubblica amministrazione, sono compiti prioritari per la Guardia di Finanza che ricorda come tali situazioni, danneggino tutti i cittadini e fanno aumentare i costi dei servizi pubblici.