Intervista a Gor Mkhitarian, il musicista armeno si racconta a CronacaTorino

Il musicista armeno Gor Mkhitarian si racconta a CronacaTorino tra progetti musicali e la situazione dell'Armenia

Il viaggio di CronacaTorino.it prosegue in Armenia e incontra un musicista straordinario come Gor Mkhitarian. Nato Vanadzor ed emigrato negli Stati Uniti, canta sia in armeno che in inglese unendo generi come rock e folk.
Una chiacchierata tra la situazione dell’Armenia, i nuovi progetti musicali e il desiderio di collaborare con Zucchero.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Gor, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ciao Alessandro, sì, sono abbastanza sicuro che adesso viviamo in un mondo diverso a causa del virus. Sicuramente ha cambiato molte cose e il modo in cui le persone fanno le cose. Al giorno d’oggi lavorare da remoto è una buona opzione per molti, ma ha colpito duramente i musicisti che viaggiano. Per ora sto solo scrivendo e registrando dal mio studio di casa.
Cosa sta succedendo ora sul pianeta Gor Mkhitarian?
Attualmente sto lavorando al mio prossimo album, sto scrivendo e registrando con i miei compagni di band e con alcuni musicisti ospiti. Sperando di pubblicare il disco l’anno prossimo.
Qual è stata la tua introduzione alla musica?
Mia madre cantava molte canzoni popolari armene tradizionali e alcune spirituali. E poi i miei 3 fratelli maggiori mi hanno fatto conoscere l’hard rock degli anni ’70. Con il tempo, sono stato esposto a così tanti generi e artisti diversi, che alla fine hanno plasmato la mia personalità musicale.
Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Non direi cosa ha convinto, ma direi chi. Principalmente i chitarristi come Mark Knopfler dei Dire Straits, Jimmy Paige dei Led Zeppelin, Joe Satriani e altri virtuosi.
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
Non c’è un approccio particolare al mio modo di scrivere canzoni. Tante cose diverse possono indurmi a prendere la chitarra e scrivere. Eventi che cambiano la vita come: l’incontro con mia moglie, la testimonianza della nascita di mia figlia, l’amore, il dolore, la guerra e tutto ciò che si evolve intorno a me e nel mondo in generale. Tutto può diventare fonte di ispirazione e io uso liberamente qualsiasi fonte.
Sei armeno, il tuo paese ha avuto tempi molto difficili con la guerra…
Sì, non è facile al giorno d’oggi essere un armeno. Quando due paesi musulmani radicali e con una dittatura, come l’Azerbaigian e la Turchia (popolazione di 90 mln insieme), attaccano 3 mln di armeni cristiani con l’aiuto di 4000 mercenari siriani, inizi a pensare che la comunità internazionale è effettivamente deficitaria, o i valori europei non sono così convincenti quando si tratta di scegliere tra democrazia e interessi petroliferi azeri. E non sto nemmeno parlando del genocidio armeno nel 1915, che la Turchia continua a negare. Ma sono sicuro che supereremo questi tempi difficili. Siamo stati sulla mappa per 5000 anni e ci siamo ancora.
Progetti per il futuro?
Alcuni progetti in realtà. Come ho detto, stiamo lavorando al nuovo album e un altro progetto è in arrivo con diverse guest star. Stiamo anche lavorando a due nuovi video musicali. Insomma, cerchiamo di ottenere il meglio dal 2020.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Alcuni dei miei preferiti di tutti i tempi, come Dave Matthews, Sting e Zucchero. Spero che Mr. Z stia leggendo questa intervista.
Siamo italiani. Hai qualche ricordo legato al nostro Paese?
Ho sempre voluto visitare San Lazzaro degli Armeni, il monastero mechitarista, ma purtroppo non ha mai avuto la possibilità di venire in Italia. Durante l’URSS, l’arte, il cibo e la musica italiani avevano una grande presenza nella mia famiglia. Guardavamo i film di Fellini, ascoltavamo pop star italiane come Adriano Celentano, Toto Cutugno e Zucchero, ma anche classici come Pavarotti e Bocelli. Mi sono sentito sempre molto legato all’Italia. Ho un grande rispetto per l’Italia e per il suo enorme e prezioso contributo alla civiltà. Spero di vedere presto la bella Italia.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Non vedo l’ora di incontrare i miei fan italiani nel 2021, rimanete sintonizzati e arrivederci! (Alessandro Gazzera)
Foto: Gor Mkhitarian

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here