Intervista a Marco Minnemann, il 2020 del geniale batterista tedesco

Marco Minnemann racconta il suo 2020 tra le difficoltà e la tanta musica creata

Marco Minnemann è ormai un vero e proprio fenomeno musicale planetario. Nato ad Hannover, ma ormai anche un po’ italiano, ha raccontato a Cronacatorino.it il suo ultimo progetto con Randy McStine, le esperienze con Joe Satriani e Paul Gilbert, l’amore per l’Italia e la costante produttività musicale. Un bellissimo viaggio con un grande batterista.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Marco, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Sto bene, grazie per avermelo chiesto. Le cose sono davvero cambiate. Ad essere onesti, dato che di solito sono in tournée, è stato davvero bello essere a casa per un po’. Inoltre sono stato in grado di creare molta musica dal mio studio casalingo e fare molti lavori in studio. Ovviamente questo virus è una cosa terribile, quindi è difficile dire qualcosa di “positivo” su questo. Ma nella piccola città in cui vivo, in riva al lago, posso godermi la solitudine e la creatività.
Cosa sta succedendo adesso sul pianeta Marco Minnemann?
Mi sono concentrato sulla mia nuova band McStine & Minnemann. Abbiamo pubblicato due album durante la pandemia, di cui sono molto orgoglioso.
Inoltre c’è una nuova uscita degli Aristocrats, la mia altra band con Guthrie Govan e Bryan Beller, che sarà un album dal vivo con brani selezionati tratti dal nostro ultimo tour a supporto dell’album “You Know What…?”
Nella tua carriera hai lavorato con molti musicisti con la stessa passione e successo. Qual è il tuo segreto?
Non sono sicuro che ci sia un segreto, ma immagino che se sei appassionato e motivato per la tua arte, entusiasta potrebbe anche essere la definizione giusta, è l’universo che riesce a connettere persone con la stessa agenda e le stesse opinioni. È importante che tu trovi la tua voce e sappia cosa vuoi esattamente fare.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Di questo devo assolutamente ringraziare i miei genitori. Mi hanno introdotto in tenera età alla grande musica e mi hanno portato ai concerti per vedere i Queen, i Jethro Tull e molte altre band interessanti. Quando avevo 6 anni, ho sentito l’album “News Of The World” dei Queen. Quel disco mi ha letteralmente sconvolto e si è immediatamente connesso con me. Da quel momento ho capito che avrei voluto suonare musica.
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
L’ispirazione può provenire da tante fonti diverse: esperienze di vita, tour e/o viaggi. Prendi i momenti che erano divertenti, premurosi, strazianti o mozzafiato, momenti intensi o semplicemente splendidi scenari. C’è così tanto di cui scrivere. A volte anche la musica si scrive quasi da sola. Suonando la chitarra, ad esempio, viene fuori un riff e inizi a portarlo in un viaggio e lo colleghi a più pezzi e quindi inizi a costruire una composizione.
Hai lavorato con Joe Satriani. Com’è lavorare con lui? C’è qualche possibilità di vedere te e lui insieme in futuro?
Joe è una persona molto gentile e siamo andati molto d’accordo. Ci sono un sacco di registrazioni divertenti e tour insieme. In questo momento però, ci sono altre priorità, ma non si sa mai, un giorno potresti rivederci da qualche parte su questo pianeta.
Hai anche lavorato con Paul Gilbert. Com’è stata quell’esperienza?
Paul è un mio caro amico di vecchia data e la prima volta che siamo stati in tour è stata alla fine degli anni ’90, più di 20 anni fa, è stato molto divertente registrare e suonare con lui. Abbiamo fatto della musica fantastica e memorabile. Jackhammer è ancora abbastanza virale su YouTube (ride).
Progetti per il futuro?
Sono completamente sul progetto McStine & Minnemann, che io e Randy McStine abbiamo formato. Abbiamo una partnership davvero fantastica e i nostri album stanno davvero andando bene e stanno creando un bel seguito. Sono molto felice e orgoglioso.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Oh, hah, in questo momento sono molto contento di quello che sto facendo. Non rifiuterei mai di lavorare con Jimmy Page, Kate Bush o Brian May, ad esempio.
Siamo italiani. Hai ricordi speciali legati al nostro Paese?
Ci sono così tanti bei momenti che non so nemmeno da dove cominciare. (ride) Amo l’Italia, la grande architettura, le belle città, le belle ragazze, l’ottimo cibo e il pubblico che è sempre fantastico. Dovrei comprare una casa lì da qualche parte. (ride) Seriamente, è sempre così bello lì da voi.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Continuate a godervi quello che fate, siate appassionati e non dimenticate mai come cucinate! (ride) Non vedo l’ora di rivedervi e spero davvero che ciò avvenga presto. Credete nella vostra musica e suonate con la massima passione e gioia.
Grazie per l’intervista,
Marco (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here