Intervista a Mike Keneally, “The Thing That Knowledge Can’t Eat” e una musica spaziale

mike-keneally-the-thing-that-knowledge-cant-eatUn nuovo e graditissimo ritorno su CronacaTorino: Mike Keneally. Il geniale musicista americano è tornato per presentarci il suo ultimo bellissimo disco “The Thing That Knowledge Can’t Eat” dove ci sono musicisti del calibro di Steve Vai, Eric Slick, Nick D’Virgilio e molti altri.
Tutto il genio musicale di Mike esce in questo nuovo lavoro a tratti complesso, ma certamente unico nel suo genere. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Mike, bentornato! Come stai?
Ciao Alessandro, è un piacere sentirti e spero che tu stia bene. Sto benissimo, grazie. Sono felice, impegnato e mi sento bene.

Cosa devono aspettarsi i fan dal tuo nuovo disco?
Penso che sia più diretto e meno strano di molti dei miei album, ma è ancora “la mia musica”. Chiaramente ci sono sicuramente delle particolarità.
Alcune persone hanno detto che ricorda loro “Wooden Smoke” e “Wing Beat Fantastic”, ma poi ci sono dei pezzi rock molto più duri rispetto a quei dischi. Ci sono sicuramente parti di  scrittura e degli arrangiamenti intricati nel nuovo album, un po’ di roba proggy, ma anche roba molto accessibile. Penso che copra molto terreno in 42 minuti.

C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
La prima e l’ultima canzone – “Logos” e “The Carousel of Progress” – potrebbero essere le mie preferite. Ovviamente vale per oggi, la cosa cambia ogni giorno. Adoro quei due pezzi anche se sono molto diversi tra loro.
“Logos” è una traccia con pianoforte e voci multiple ed è quasi come una melodia di uno spettacolo di Broadway. “Carousel” è un’epopea di sette minuti e mezzo basata su alcuni riff di chitarra molto spigolosi (una volta superata la ballata per pianoforte apertura) e passa attraverso una serie di cambiamenti e vibrazioni. Mi sento vicino a quei due in questo momento, ma sono contento di tutte le canzoni.

Ci spieghi come funziona il tuo processo creativo?
Quando si tratta di scrivere e registrare, di solito si inizia semplicemente sedendosi in silenzio per un momento con una chitarra o una tastiera finché non accade qualche piccolo frammento di musica. Se mi piace il suono di quel frammento lo registro e comincio a capire cosa significa e di cosa ha bisogno.
Altre volte sarà una cosa melodica o lirica che si verifica mentre guido, la canto nel mio telefono e talvolta la arricchisco più tardi. Quattro delle canzoni di “You Must Be This Tall” sono iniziate come brevissime telefonate promemoria vocali. Ho molti più potenziali “semi di canzoni” nel mio telefono di quanti ne userò mai, ma è bello sapere che sono lì.

La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Sì, è stata un’esperienza davvero straordinaria essere rinchiuso in casa, era un modo di vivere così diverso e allo stesso tempo stavo mettendo in funzione un nuovo impianto di registrazione domestica. Stavo imparando come far funzionare tutto (ho sempre lavorato con ingegneri che hanno svolto la maggior parte del lavoro pratico di registrazione della musica, quindi venire a patti con l’esecuzione del software di registrazione da solo è stata una curva di apprendimento ripida).
Abbastanza spesso in passato ho incluso nei miei album frammenti di registrazioni che avevo fatto a casa, ma spesso erano molto eccentrici. Questo album è stata la prima volta dove ho cercato di far suonare bene le mie registrazioni casalinghe. Nel 2020 l’esperienza del lockdown, insieme alla presidenza Trump e all’attivismo politico che si è generato ha avuto un certo impatto sul testo di “The Carousel of Progress”. Quella canzone, per me, è un dipinto sonoro di come si sentiva la vita in quel momento.
Devo ammettere che la produttività costante resa possibile dal lockdown era qualcosa che apprezzo di più in questi giorni, in cui mi piacerebbe molto dedicare una quantità concentrata di tempo a scrivere e registrare nuova musica, ma ci sono sempre progetti di musica dal vivo costanti che mi trascinano fuori casa.
Sicuramente sono molto grato di essere impegnato e amo suonare musica dal vivo per le persone, ma vorrei poter lasciare un clone di me stesso a casa per fare un sacco di nuova musica.

“Celery” è una canzone meravigliosa. Ci racconti come nasce?
Nel 2015 Nick D’Virgilio mi ha invitato a partecipare a un workshop per ingegneri presso gli Sweetwater Studios in Indiana. Ci sarebbe stato un gruppo di studenti che osservava mentre registravamo due nuove canzoni. Si sedevano nella sala di controllo mentre l’ingegnere del personale spiegava loro tutto ciò che stava facendo.
Ho deciso di fare una melodia strumentale e una vocale e molto rapidamente ho scritto la musica di “Celery” e “Spigot” che sono entrambe nel nuovo album. Il nome “Celery” era semplicemente la prima parola che mi è venuta in mente quando avevo bisogno di nominare il vocale sull’iPhone. Penso di aver abbassato il Re e la musica è uscita abbastanza velocemente.
Anni dopo le sessioni avevo dimenticato come andavano entrambe le canzoni e sono andato a riascoltarle di nuovo. Ho trovato la pendrive con le informazioni sulla sessione e sono stato davvero felice di scoprire che entrambe le canzoni piacevano e così ho deciso di completarle. È stato allora che ho chiesto a Steve Vai se gli sarebbe piaciuto suonare in “Celery”. Amo davvero quello che ha suonato.

 

La chimica con Steve Vai si sente subito. Come descrivereste la vostra connessione musicale?
Ci sono diversi punti di connessione principali tra di noi: siamo entrambi di Long Island, entrambi siamo cresciuti adorando Frank Zappa e alla fine abbiamo trovato la nostra strada nella sua band e, ovviamente, gli anni che ho passato come membro della band di Steve. C’è qualcosa nella composizione di Steve che va molto nel profondo per me. Questo è parte del motivo per cui l’album “Vai Piano Reductions” è stato un progetto così emozionante e stimolante per me.
C’è un’ineffabile qualità emotiva nella musica di Steve che diventa davvero travolgente per me quando eseguo quegli arrangiamenti per pianoforte e quella è stata la parte più difficile in uno degli album più gratificanti che abbia mai fatto. Al contrario, è stato facile inviare a Steve questa traccia e chiedergli di suonare quello che voleva sui due assoli per poi scoprire che ciò che ha suonato racchiudeva e amplificava la canzone in modo così brillante.

Possiamo sperare di sentirti suonare questo disco dal vivo?
Ho appena finito un brevissimo tour di cinque date suonando un po’ della nuova musica e voglio assolutamente fare più spettacoli, ma quest’anno sarò molto on the road con Devin Townsend e ProgJect.
Voglio anche trovare il tempo per fare spettacoli con The Bird Brain, una nuova band in cui faccio parte che ha pubblicato un EP alla fine dell’anno scorso. Ho davvero adorato gli spettacoli che ho appena fatto suonando solo il mio materiale da solista e sono molto ansioso di farne di più… Lasciamo che il programma e le circostanze lo permettano. Farò del mio meglio per realizzarlo.

Il prossimo capitolo della tua carriera?
Molto lavoro con Devin Townsend. Ci stiamo preparando per un tour europeo di due mesi (queste sono le date https://hevydevy.com/tourdates/. Solo una data italiana purtroppo, a Trezzo sull’Adda il 14 marzo), e Dev mi ha chiesto di lavorare con lui in studio su della nuova musica.
Lavorare all’album “Empath” qualche anno fa, e fare il tour che ne è seguito, è stato un punto culminante della mia vita/carriera per me, quindi sono davvero molto felice di lavorare di più con lui quest’anno.
Oltre a ciò, sto per scoprire altre date per la band prog classico ProgJect quest’anno, e ad un certo punto tutti noi dei The Bird Brain (io, Ben Thomas, Jonathan Sindelman, Kris Myers e Pete Griffin) siamo molto desiderosi di continuare il lavoro iniziato sul nostro EP (che è qui: https://thebirdbrain.bandcamp.com/album/the-bird-brain-ep).
Ovviamente faccio ancora parte della Zappa Band con Robert Martin , Ray White, Scott Thunes, Joe Travers e Jamie Kime. Per non parlare poi dei Beer For Dolphins che hanno appena lasciato la strada e della mia band europea The Mike Keneally Report. Riesco a malapena a tenere traccia di tutto e spero che sia in qualche modo è possibile suonare con tutte queste band quest’anno. Nel frattempo ho anche altri due album da solista in lavorazione che non vedo l’ora di completare. Ci vorrà un po’.

Un sogno nel cassetto?
Adoro andare in tour e suonare la musica di altre persone, ma nutro un desiderio costante che un giorno la mia musica sarà in grado di supportare un’operazione di tour di livello mondiale, con una significativa presentazione sul palco e una band di buone dimensioni in grado di coprire molte delle sovraincisioni. Lo faccio nelle registrazioni. Fantastico su una band di otto elementi, più tre cantanti di supporto, che fanno un tour nei teatri coprendo molto del mio materiale a cui mi avvicino raramente su un palco dal vivo solo perché gli arrangiamenti non si prestano a una presentazione dal vivo con un piccolo gruppo musicale.
Non sono mai stato uno che prova a replicare le versioni registrate sul palco, il che va bene e adoro l’approccio sperimentale e a ruota libera che uso dal vivo con i Beer For Dolphins che suonano le mie canzoni, ma penso che sarebbe bello avere un budget per circa un mese di prove e un seguito sufficiente che avrebbe senso prenotare un tour di teatri con un buon suono nella gamma di capacità 500-1500, e presentare davvero la mia musica in modo completo con tutti le trame che mi piace portarci in studio.

Come sai siamo italiani. Un ricordo speciale legato al nostro Paese?
Visitare Venezia durante lo Zappa Tour del 1988 è stato formidabile per me. Nel 2002 e nel 2003 ho fatto diversi tour come Mike Keneally and Friends con gruppi di musicisti italiani in gran parte organizzati dal batterista Sergio Ponti. Sono state esperienze meravigliose, sia per il senso di comunità dietro le quinte che per gli spettacoli stessi. Lo spettacolo più memorabile è stato un festival all’aperto a Palau nel 2002, dove ho inventato una piccola storia chiamata “Bub In The Future” in cui Sergio faceva i versi di un cane mentre io correvo attraverso il locale fino a un muro illuminato e ci facevo sopra dei pupazzi d’ombra. Spettacolo incredibilmente divertente!

Ultima domanda: un messaggio per i fan italiani
Sono grato a chiunque rimanga interessato alla mia musica dopo tutto questo tempo, ed essendo italiano da parte di madre sento sicuramente un legame con i miei fan in Italia. Vi mando i miei migliori auguri per un appagante 2023.
(A.G.)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here