La Paffoni Fulgor Omegna vince in rimonta a Crema e dedica il successo alle vittime della tragedia di ieri

Il 65 a 68 proietta la Fulgor alla sfida con Agrigento, ma dopo il successo, il primo pensiero è andato a tutte le vittime della tragedia di ieri al Mottarone; a loro e a chi sta ancora lottando

In una giornata iniziata nel modo sbagliato, la Paffoni fa visita a Crema per gara 4 dei quarti di finale playoff trovando il successo che le consente l’accesso alla semifinale. Il 65 a 68 proietta la Fulgor alla sfida con Agrigento, ma dopo il successo, il primo pensiero è andato a tutte le vittime della tragedia di ieri al Mottarone; a loro e a chi sta ancora lottando.
Dopo il minuto di silenzio iniziale arriva la palla a due. Crema è più concreta e gioca con maggiore ritmo in avvio. I padroni di casa toccano la doppia-cifra di vantaggio, mentre la Fulgor si intestardisce con il tiro da fuori e sbaglia l’inverosimile sia da sotto che dalla lunetta. Sembra notte fonda, ma un canestro di Scali e qualche giocata di energia di Prandin danno ossigeno alla Paffoni, sotto di 10 alla pausa lunga. In avvio di ripresa arriva il cambio di passo: Procacci si mette in ritmo, Scali lo segue a ruota e Sgobba incanta con uno dei suoi movimenti in post. In difesa la Paffoni è quasi perfetta e a 10’ dalla fine è sorpasso! Nel finale manca solamente la zampata da parte degli uomini di Andreazza, che però trovano ancora punti pesanti dal solito Scali e chiudono con il 65 a 68 che certifica il passaggio del turno.
Si festeggia la vittoria, ma resta il pensiero al nostro territorio e a quanto accaduto, nella speranza di avervi regalato almeno un piccolo sorriso.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Paffoni Fulgor Omegna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here