Nazionale, domani l’ultimo impegno mondiale contro gli USA

Ultimo allenamento della stagione alla Daugava Arena, in vista dell’ultimo match dell’edizione 2021 dei Mondiali Top Division, per la nazionale italiana di hockey su ghiaccio.

Ultimo allenamento della stagione alla Daugava Arena, in vista dell’ultimo match dell’edizione 2021 dei Mondiali Top Division, per la nazionale italiana di hockey su ghiaccio. Gli azzurri, con una selezione giovanissima, falcidiati da infortuni e Covid-19, e giunti in Lettonia senza preparazione fisica a causa dell’isolamento per contenere la diffusione dei contagi all’interno della squadra, hanno incassato 6 sconfitte nelle prime 6 partite del torneo. Dopo avere ottimamente figurato nei primi incontri della rassegna iridata, tenendo testa sino al termine a squadre decisamente più attrezzate e blasonate, l’Italia ha progressivamente accusato la stanchezza fisica e mentale. Ora, per la formazione capitanata da Daniel Frank, è giunta l’ora dell’ultimo sforzo prima di tagliare la linea del traguardo. La sfida è di quelle difficili e impegnative, perché dall’altro lato della pista ci saranno gli USA. L’incontro è in programma domani, martedì 1° giugno, alle 15.15 ora italiana, e verrà trasmesso in diretta su DAZN. Il coaching staff azzurro si riserva di attendere l’ultimo momento prima di prendere ogni decisione sul line-up da schierare, compresa la scelta del portiere. Justin Fazio, infatti, ha sfoderato una serie di eccellenti prestazioni nella prima fase del torneo, mentre il giovane back-up Davide Fadani è reduce da una prova maiuscola nei 48 minuti disputati contro il Canada, al termine dei quali è stato premiato come miglior giocatore azzurro in pista.
Italia e USA si sono affrontate 9 volte ai Mondiali, di cui 8 in Top Division e una in Prima Divisione. Gli azzurri hanno ottenuto 2 storiche vittorie a fronte di 7 sconfitte, segnando 17 gol e subendone 37. Il primo dei due successi risale al Mondiale di Tampere 1982, un clamoroso 7-5 firmato da Iannone (doppietta), Tomassoni, Tenisi, Milani, Iovio e Michael Mair. Curiosa la vicenda di quest’ultima marcatura, messa a segno da un giocatore al suo primo e unico cambio della partita, nel corso del quale toccò un solo disco trasformandolo in gol. L’altro precedente vittorioso risale ai Mondiali di Zurigo 1998, quando l’Italia vinse 4-0 con doppietta di Ramoser e reti di Mansi e Orlando. Nel 1973, a Graz, le due squadre si sfidarono addirittura in un match valido per il Mondiale gruppo B, con gli USA che si imposero 11-0. L’ultimo scontro diretto, andato in scena ai Mondiali di Colonia 2017, ha visto gli Stati Uniti imporsi 3-0 contro la squadra all’epoca allenata da Stefan Mair.
Foto: FISG/Andi King
Notizie: Ufficio Stampa FISG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here