Teatro Baretti: Apertura stagione “Immaginare l’inimmaginabile” mercoledì 10 novembre

Riparte ufficialmente l'attività teatrale

teatro-baretti-apertura-stagione-immaginare-inimmaginabile-mercoledi-10-novembreRiparte ufficialmente l’attività teatrale dell’Associazione Baretti, dopo mesi di difficoltà, dopo avere esperito il mondo streaming e una programmazione in remoto, dopo le incertezze e i posti vuoti in sala si torna a teatro, al cinema e a scuola!

L’Associazione Baretti in questi mesi ha fatto grandi cambiamenti, primo fra i molti il nuovo direttivo e il nuovo Presidente, socio fondatore nel 2002, Alberto Giolitti ricopre ora la nuova e più alta carica e ha scelto per il nuovo direttivo 3 donne che da anni collaborano con l’associazione: Monica Luccisano (regista e responsabile area scuola), Eleonora Sabatini (assistente di sala) e Federica Ceppa (showproducer e già responsabile ufficio stampa), un cambiamento nato dal rinnovamento, ma anche dal rispetto della memoria storica di una associazione che da anni è inserita nel territorio locale e nel circuito nazionale.
Davide Livermore, direttore onorario e socio fondatore del Baretti, ha spinto per questo rinnovamento nel segno del passato e con lo sguardo al futuro e per questo tornano oltre alla stagione teatrale curata da Rosa Mogliasso, la programmazione di cinema curata da Cristina Voghera, BOH! e la Mozartiana l’appuntamento con la musica classica curata da Corrado Rollin, la scuola di teatro, la Scuola Popolare di Musica e le molte rassegne cinematografiche ideate o semplicemente ospitate nella sala nel cuore di San Salvario.
Anche l’immagine della nuova stagione ricalca questo cambiamento: dopo anni di immagini evocative quest’anno si è scelto di raccontare la stagione con un’immagine decisamente criptica, un QR Code, simbolo divenuto cosi familiare negli ultimi anni. L’Associazione Baretti vuole infatti raccontare che per quanto ormai pare che la fruizione ed i sentimenti stessi passino attraverso lo schermo, l’inimmaginabile nella realtà è quello che troviamo dietro un sipario e inimmaginabili sono le emozioni che si provano all’interno di una sala gremita di un teatro, di un cinema o di una sala concerti.

Il Teatro Baretti ha un nuovo presidente: Alberto Giolitti, vera colonna, vera anima di questo teatro sin dalla sua fondazione. Il Baretti è una eccellenza della nostra città e questa nomina non solo procede nel solco della continuità ma apre ad un futuro di grandissima qualità artistica e culturale. Parlo di un uomo che fa teatro da 20 anni e ai più alti livelli, in Italia e all’estero: personalmente ho collaborato con lui, oltre che al Baretti, al Festival de Radio France et Montpellier, al Festival dei Due Mondi, al Teatro Greco di Siracusa. Alberto Giolitti ha grande esperienza e soprattutto sarà garante della fiducia riposta dalle istituzioni ed enti che sostengono il Baretti con una proposta di altissimo livello e con una presenza nel territorio degna della storia del nostro teatro; storia che ha profondamente cambiato le sorti di un quartiere che 20 anni fa era considerato un avamposto della comunità e che il Baretti ha contribuito a trasformare in un luogo di accoglienza e di incontro e dove la cultura, l’arte e il dialogo sono considerati ingredienti fondamentali per la qualità della vita’“. Davide Livermore fondatore Associazione Baretti

Il cartellone teatrale 2021-22 dal titolo: IMMAGINARE L’INIMMAGINABILE è un tentativo di risposta all’onda delle problematiche estetiche, etiche e di programmazione aperte dall’emergenza sanitaria. Con questa allitterazione di non facile articolazione verbale, intendiamo sottolineare, nella forma e nella sostanza, la difficoltà della sfida posta dall’impellente necessità di abbandonare molte delle vecchie tipologie di pensiero per costruire nuovi percorsi di senso che armonizzino con l’attuale panorama frutto della rivoluzione digitale e post pandemica. Tema unificante dell’iniziativa sarà l’ibridazione di linguaggi che si realizzerà nella commistione di codici e nella continua ricerca di corrispondenze tra teatro e altri linguaggi espressivi, in particolare quelli legati alla musica classica e contemporanea, al cinema e ai nuovi codici espressivi e di diffusione frutto del passaggio del segno analogico a quello digitale e dello sviluppo dei nuovi canali social su web. Gli artisti coinvolti saranno personalità di fama e professionalità note, così come nuovi talenti emergenti che ci sembra importante sostenere nella loro ricerca, entusiasmo e volontà di costruirsi una carriera professionale nel mondo della cultura.” Scrive Rosa Mogliasso direttrice artistica della stagione.

Si inaugura il 10 novembre 2021, con lo spettacolo IN QUELLE TENEBRE di Gitta Sereny, con Nicola Bortolotti e Rosario Tedesco e la partecipazione straordinaria del Coro della Comunità ebraica di Torino. Questo progetto si colloca nell’ottica di concretizzare la proposta artistica del Baretti anche attraverso il coinvolgimento del pubblico e la realizzazione di reti di collaborazione con realtà culturali territoriali. Il 18, 19 novembre 2021 andrà in scena rEVOLUTION, con Manuele Morgese, una produzione TEATROZETA in collaborazione con La MaMa experimental theater -Umbria International. La messinscena di un corto circuito storico, irriverente, sarcastico, sprezzante e esplosivo. L’11 dicembre 2021 LE VENTI GIORNATE DI TORINO – L’ombra racconta, regia, animazione e voce: Cora De Maria, CONTROLUCE TEATRO D’OMBRE, le musiche originali dello spettacolo saranno eseguite dal vivo da: Umberto Fantini (violino) e Manuel Zigante (violoncello). Il 17 dicembre 2021 CLICHÉ – CI SPOGLIAMO PER VOI, scritto e diretto da Alessandro Federico, la storia di tre donne che decidono di spogliarsi per vivere. Il 10, 11 febbraio 2022 con: HELA – LA VITA IMMORTALE DI HENRIETTA LACKS, le tematiche dl trans umanesimo irrompono nella nostra stagione teatrale, grazie a una “riflessione” scenica di Invisibile Kollettivo: Henrietta lavorava nei campi di tabacco della Virginia, come i suoi antenati schiavi. Poco prima che morisse per un tumore, nel 1951, i medici, senza chiedere alcun consenso, prelevarono un campione dei suoi tessuti e si accorsero presto di un fenomeno sbalorditivo, mai registrato prima nella storia della medicina: le cellule tumorali continuavano a crescere fuori dal corpo, in laboratorio. Henrietta era immortale! Il 24, 25 febbraio 2022 ADSL (Al Limite Dello Sputtanamento Totale), di e con la giovanissima Viola Marietti che si cimenta in un monologo, affresco in soggettiva, di una ragazza tra i venti e i trent’anni, autodistruttiva e ironica, immatura e incasinata. Sapremo tutto di lei e dei giovani della sua generazione
Ritorna il 29 e 30 gennaio 2022 il MOZART NACHT UND TAG XIV ed., la maratona musicale e teatrale dedicata a Mozart in vari punti della città di Torino. 36 ore di musica gratuita giorno e notte (letteralmente). Numerose le sedi, trampolino di lancio la nostra sala di via Baretti, e poi, tra le tante: Palazzo reale, Castello del Valentino, Tempio Valdese, Conservatorio “Giuseppe Verdi”, Palazzo Barolo, Circolo dei Lettori. In collaborazione con i Conservatori di Torino, Alessandria, Cuneo, Novara; la maratona andrà in streaming sulla nostra pagina Facebook.
La programmazione continuerà in primavera, ma date le alterne fortune del comparto dello spettacolo l’Associazione Baretti ha scelto di presentare solo la prima parte della stagione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here