Bombe “cipolla” e medicinali irregolari in casa Torino, denunciato e arrestato

Nel corso di attività delegata dall’Autorità Giudiziaria, gli agenti hanno riscontrato la presenza nell’alloggio, nascoste in un armadio della camera da letto, di 8 bombe carta artigianali

Un cittadino italiano di 43 anni è stato arrestato lunedì dagli agenti dagli agenti della Divisone P.A.S. della Questura di Torino in collaborazione con gli agenti della Squadra Mobile.
Secondo quanto spiegato, nel corso di attività delegata dall’Autorità Giudiziaria, gli agenti hanno riscontrato la presenza nell’alloggio, nascoste in un armadio della camera da letto, di 8 bombe carta artigianali (c.d. cipolle).
In base a quanto appurato, gli artifizi sarebbero risultati pericolosi in quanto privi di qualsivoglia certificazione circa la produzione dei manufatti e le condizioni di sicurezza. Le 8 bombe carta sequestrate sarebbero da ritenersi micidiali a causa dell’elevata potenza e perché in grado di produrre una c.d. esplosione per simpatia ovvero un’esplosione che si concretizza allorché un singolo ordigno innesca istantaneamente tutti gli altri vicini provocando un’esplosione che avrà massa pari alla somma della massa di tutti gli esplosivi detonati.
Nel corso della perquisizione sarebbero state ritrovate tre “torce illuminanti”. Nell’auto dell’uomo, i poliziotti avrebbero anche rinvenuto due flaconi contenenti un centinaio di capsule di efedrina e aspirina illegali poiché importate dall’estero con flaconi etichettati non in lingua italiana e senza autorizzazione rilasciata dall’AIFA.
Alla luce dei fatti, l’uomo è stato tratto in arresto per il possesso del materiale esplodente e denunciato in stato di libertà per la detenzione dei medicinali non corrispondenti alla normativa vigente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here