Carabinieri aggrediti da ubriaco Monforte d’Alba, erano intervenuti per sedare una lite tra parenti

Il giovane non si era calmato neanche di fronte ai tentativi dei Carabinieri di ricomporre il litigio

CarabinieriI Carabinieri della Compagnia di Bra hanno arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale un 29enne di origini romene, disoccupato, residente in un comune delle Langhe.
Secondo quanto spiegato, i Carabinieri della Stazione di Monforte d’Alba, guidati dal Maresciallo Atanasio Arena, sarebbero intervenuti per sedare una lite familiare tra il giovane ed il suocero, residenti nello stesso condominio.
In base a quanto appurato, alcuni passanti, attirati dalle urla dei due soggetti, attraverso il 112 avevano chiesto l’intervento dei Carabinieri che erano giunti sul posto in pochi minuti. Nei pressi dell’abitazione, i militari sarebbero stati a loro volta aggrediti da un disoccupato cittadino romeno che era in evidente agitazione psico-fisica causata dall’abuso di alcool.
Il giovane non si era calmato neanche di fronte ai tentativi dei Carabinieri di ricomporre il litigio, anzi avrebbe risposto con ancor maggior veemenza, insultando i militari intervenuti e scagliandosi contro uno di loro. Nel corso della colluttazione uno dei Carabinieri intervenuti avrebbe riportato la distorsione di un dito. A quel punto, l’uomo è stato arrestato su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Asti dott.ssa Delia Boschetto, l’uomo veniva trattenuto presso la camera di sicurezza dei carabinieri di Bra, in attesa del giudizio direttissimo.
A seguito dell’udienza, il GIP del Tribunale di Asti, dott. Andrea Carena, ha poi convalidato l’arresto condannandolo ad otto mesi di reclusione, pena sospesa.