Morto ciclista investito Venaria, era in agonia da un giorno

Ambulanza_in_chiamataE’ morto dopo un giorno di agonia il ciclista di 30 anni investito nella tarda serata di martedì da un’automobile mentre stava pedalando sulla bicicletta da corsa lungo la strada provinciale 501 “della Reggia”.
L’uomo, originario della provincia di Catanzaro, è spirato nel primo pomeriggio di giovedì mentre si trovava nel reparto di rianimazione dell’ospedale Giovanni Bosco di Torino, dove il giorno precedente era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per ridurre il vasto ematoma al cervello. Sin dai primi momenti si era capita la gravità della situazione. Ma i medici avevano provato con l’intervento, speranzosi di mantenere in vita il giovane, nonostante fosse in prognosi riservata e le sue condizioni fossero davvero disperate.
Dopo l’investimento si era creato un vero e proprio giallo, dato che l’uomo era privo di documenti e l’unica certezza era un tatuaggio col nome “Alex” all’altezza del collo e, vicino, un altro tatuaggio con un coltello stilizzato.
Foto in evidenza: wikipedia.org