Osservatorio Micro e Piccole Imprese CNA Piemonte, primo report su conseguenze Coronavirus

Un report, il primo, su un campione di un centinaio di imprese CNA in Piemonte raccoglie l’impatto dei provvedimenti che puntano a limitare la diffusione del Coronavirus

Un report, il primo, su un campione di un centinaio di imprese CNA in Piemonte raccoglie l’impatto dei provvedimenti che puntano a limitare la diffusione del Coronavirus.
L’Osservatorio Micro e Piccole Imprese di CNA Piemonte, dal sondaggio ha rilevato:
un forte incremento, pari ad oltre il 40-50% per le attività connesse all’approvvigionamento della rete distribuita alimentare;
i taxi registrano una contrazione del 50% dei ricavi rilevata già dalla giornata di sabato scorso;
l’attività del catering risulta azzerata (-100%) e dimezzata la ristorazione;
nel settore benessere per il 57% del campione la situazione è in forte diminuzione o in allarme: in alcuni casi aziendali si parla di “agenda appuntamenti azzerata”; per il restante 43% la situazione viene descritta al momento come ordinaria.
Il primo report di Monitor Micro e Piccole Imprese di CNA Piemonte analizza settore per settore: il testo integrale è scaricabile qui.
“Dai segnali raccolti attraverso questa prima rilevazione risulta evidente che occorre un piano energico, immediato e concreto per limitare i danni diretti e indiretti che l’emergenza in atto può produrre alle attività economiche, non circoscrivendo gli interventi alle sole imprese situate nei territori cosiddetti “zone rosse” ma anche rivolte al territorio piemontese che ha evidenti connessioni con il resto del sistema produttivo del nord Italia”, hanno affermato il segretario regionale di CNA Piemonte Filippo Provenzano e il presidente Fabrizio Actis.
“Fisco, credito, previdenza, ammortizzatori sociali sono i principali ambiti in cui servono provvedimenti straordinari – hanno continuato Provenzano e Actis -. Infine occorre sensibilizzare maggiormente i cittadini-consumatori affinchè adottino comportamenti ordinari che possano contribuire al normale svolgimento delle attività produttive e commerciali le quali diversamente si troveranno in grave difficoltà come peraltro i primi dati da noi raccolti segnalano”.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa CNA Piemonte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here