Presidio lavoratori De Tomaso Torino, protesta davanti all’assessorato del Lavoro

FIOMPresidio questa mattina dei lavoratori della De Tomaso, davanti all’assessorato regionale al Lavoro in via Magenta.

Di fronte alle richieste di lavoratori e sindacato che chiedevano un coinvolgimento diretto del presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, è stato fissato un incontro con il presidente stesso per la giornata di oggi, giovedì 24 luglio, alle ore 15,45, in piazza Castello.

Due i temi al centro dell’incontro: la mancata firma del ministro dell’Economia al decreto per la cassa in deroga nel periodo maggio-settembre, e le prospettive dei 900 lavoratori dal 4 settembre in poi, con il rischio del licenziamento e con le relative lettere potrebbero partire già nei prossimi giorni.

Vittorio De Martino, segretario regionale della Fiom-Cgil, dichiara: “È davvero incomprensibile come una cassa integrazione, frutto di accordo sindacale, già firmata dal ministro del Lavoro non sia firmata anche dall’altro ministro competente, per problemi burocratico formali: i lavoratori sono da tre mesi senza alcune fonte di reddito, e cominciano a vivere situazioni drammatiche, con sfratti e bollette non pagate”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

Massimiliano Rambaldi