Sciopero Embraco Torino, le motivazioni della protesta

La Uilm di Torino rende noto che venerdì 10 novembre i lavoratori della Embraco di Riva di Chieri saranno nuovamente in sciopero per otto ore su ogni turno.

La Uilm di Torino rende noto che venerdì 10 novembre i lavoratori della Embraco di Riva di Chieri saranno nuovamente in sciopero per otto ore su ogni turno. È previsto un corteo che partirà da piazza XVIII Dicembre, a Torino, attraverserà via Cernaia e via Pietro Micca per concludersi con un presidio in piazza Castello, sotto la sede della Regione Piemonte.
L’iniziativa è stata organizzata per protestare contro la decisione dell’azienda di ridurre i volumi produttivi assegnati allo stabilimento, che non consentiranno più l’utilizzo dei contratti di solidarietà. In mancanza di nuove commesse, i 537 posti di lavoro sono a rischio.
 “L’azienda deve fare un passo indietro – dicono il segretario generale Uilm, Dario Basso, e il responsabile Embraco per la Uilm, Vito Benevento – e deve tornare a investire a Riva di Chieri. Negli ultimi anni ai lavoratori sono stati chiesti molti sacrifici, mentre la Embraco ha beneficiato di significativi sostegni pubblici. L’azienda deve presentare un piano industriale in grado di rilanciare lo stabilimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here