Intervista a Fiona Brice, la polistrumentista inglese si racconta a CronacaTorino

Fiona Brice racconta la sua musica durante il lockdown, ma anche una carriera fatta di collaborazioni con Placebo e Boy George

Geniale, eclettica o, più semplicemente, unica. Sono queste le definizioni che viene naturale attribuire alla polistrumentista inglese Fiona Brice. E, a dirla tutta, sono anche limitative.
Con lei abbiamo parlato della sua carriera, delle collaborazioni con i Placebo e Boy George, ma anche del suo amore verso l’Italia.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Buongiorno Fiona,
 questo virus ha cambiato drasticamente le nostre abitudini. Come lo stai passando?
Sì, questo virus ha cambiato radicalmente la vita dei musicisti. La musica dal vivo è stata completamente cancellata. Qui nel Regno Unito noi musicisti siamo stati messi a tacere dal governo. Non ci è permesso esibirci.
Stavo per fare un tour in Europa con gli Elbow e avevo anche un tour con altri artisti, ma ora tutto è in sospeso. È un momento molto preoccupante. I miei colleghi e la mia industria stanno soffrendo.
Che novità ci sono sul pianeta Fiona Brice?
Il mio mondo sembra molto più piccolo di prima. Non ho mai passato così tanto tempo a casa. Mi sto concentrando sulla pratica del violino e sulla scrittura. Ho scritto 10 Preludi per pianoforte che presto saranno disponibili per l’acquisto come spartiti.
Non vedo l’ora di poter viaggiare di nuovo, ma in questo momento sembra improbabile. In realtà sono anche un’insegnante di yoga qualificata, quindi insegno a livello locale e cucino molto, ma mi sembra molto familiare rispetto al pazzo mondo adrenalinico dei tour.
Hai lavorato con tantissimi musicisti con un enorme successo e tanta passione. C’è un segreto dietro al tuo successo?
Sono una polistrumentista versatile, lavoro duro e sono sensibile ai gusti musicali specifici di ogni artista. Ho un buon istinto musicale dato dall’esperienza ventennale di scrittura e registrazione con molti musicisti diversi. Ma non credo che sia un segreto.
Come crei una canzone? Da dove arriva l’ispirazione?
Sono spesso ispirata dai viaggi (come il mio disco “Postcards From” (Bella Union) dove ogni canzone prende il nome da un luogo diverso). Ho idee quando sono su treni, aerei, mi muovo per il mondo e osservo gli altri. Mi interessano i sentimenti che ci uniscono, piuttosto che le cose che ci dividono. Scrivo idee rapide su carta e taccuini di hotel o registro memo vocali quando sono in viaggio, quindi sviluppo le idee in seguito.
Hai lavorato con i Placebo per tanti anni. Ci racconti di quell’esperienza?
Sono stata in tour in tutto il mondo per 10 anni con i Placebo e ho contribuito a diversi album. Conosco la band sin dai primi giorni a Londra a fine anni ’90. Sono come una famiglia e abbiamo condiviso esperienze incredibili e indimenticabili insieme. Alcune buone, a volte alcune cattive! Anche se ho lasciato il mio ruolo in tournée, sono orgogliosa di tutto il lavoro che abbiamo fatto insieme e ci sentiamo ancora molto spesso.
Come è nata, invece, la collaborazione con Boy George?
Ho lavorato con Boy George alcune volte nella mia carriera, è un artista iconico. Mi sono esibita in TV con lui e ho anche registrato delle canzoni. Quando ero bambina, io e mia sorella ci vestivamo come lui (il cappello e i nastri che indossava sulla copertina del singolo Karma Chameleon!) Quindi è stato un vero onore quando ho ricevuto per la prima volta una telefonata dal suo manager.
Progetti per il prossimo futuro?
Ho un EP di 5 canzoni pronto per l’uscita con la Bella Union Records nel 2021. Bellissime canzoni meditative orchestrali. Sono molto contenta e non vedo l’ora di condividerlo. Ho anche scritto arrangiamenti per archi per molti altri artisti durante il periodo di lockdown e registrerò presto anche i miei pezzi per pianoforte.
C’è un musicista con cui ti piacerebbe collaborare?
Mi piacerebbe lavorare con Nick Cave, ma sono sicura che sia felice con Warren Ellis! Amo anche St. Vincent e Max Richter, e spero di scrivere anche altre colonne sonore di film.
Noi siamo italiani. Hai un qualche ricordo particolare legato al nostro Paese?
Mi sono sempre divertita moltissimo esibendomi e viaggiando in Italia, sin dalla prima volta che avevo 13 anni e sono andato a Venezia per esibirmi con la mia Orchestra Giovanile. “Postcard from Verona” è uno dei miei brani preferiti del mio disco! Attualmente sto lavorando anche con alcuni artisti italiani, ad esempio Donato Dozzy ed Eva Geist (suono il violino nel loro nuovo disco “Il Quadro di Troisi”).
All’inizio di quest’anno ho pubblicato un brano intitolato “To a Place of Safety” per l’etichetta italiana Lady Blunt Records per raccogliere fondi per le ONG che lavorano nel Mediterraneo. Mi piacerebbe viaggiare di più in Italia e spero di poter tornare quando Covid19 si calmerà.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fans italiani
Rimanete pieni di passione, forti e amatevi l’un l’altro! (Alessandro Gazzera)
Foto in evidenza: Mike Verbraeken
Foto interna: Emilie Bailey

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here