Intervista a Vincenzo “Zerov” Salvo, il geniale fumettista si racconta

Zerov, artista siracusano, è l'inventore del fumetto della famiglia De Complottis e con la sua ironia combatte le troppe bufale presenti sui social network

zerovComplotti e bufale sono ormai una realtà dei social network e, nella mischia dei tanti che combattono le falsità che vengono pubblicate su internet, c’è anche chi lo fa con la sua ironia: Vincenzo “Zerov” Salvo.
Zerov, geniale artista, ha creato il fumetto della famiglia “De Complottis” in cui il padre Edmondo crede a tutto quello che viene pubblicato su internet. A tentare di “fermarlo” ci sono il figlio Alfredino, la moglie Tesla e il gatto Tigro che rimangono sempre più stupiti delle teorie del capofamiglia.
Una ironia pungente e sicuramente mai banale che fa sorridere e riflettere sulla situazione dandoci un ritratto di come una famiglia potrebbe davvero essere composta.
Buongiorno Vincenzo, com’è nata l’idea di un fumetto dedicato ai complotti?

De Complottis è nato dall’esigenza personale di fare satira su questa nuova figura misteriosa che invade i social e che crede a tutto e non crede a niente, cioè il “complottista”. La fortuna ha voluto che tra i miei contatti ce ne fossero di molti e quindi ogni giorno vedevo i loro post su “le scie chimiche”, “Obama Rettiliano”, 11 settembre, fluoro nei rubinetti per, passami il termine, rincoglionirci ecc.
Ti aspettavi che il tuo fumetto avesse questo successo? Sui social ti sei imposto da subito con una ironia pungente e mai banale
Sinceramente, quando ho cominciato a postare le prime strisce l’ho fatto senza pensare ad eventuali conseguenze positive o negative, al massimo ho perso per strada qualche contatto che mi ha “bloccato”…. Oppure altri amici complottisti che sulla pagina facebook De Complottis mi hanno accusato di essere colluso con i poteri forti e di essere pagato addirittura dal governo con lo scopo di scherzare su cose serie che minacciano la vita di tutti noi.
Il web è pieno di queste figure che credono a tutti ed è un tema che oggi è molto attuale…. Secondo te come si può limitare la diffusione di bufale?
Ho letto un articolo in cui si parlava di un cartone animato svedese che ha come scopo quello di insegnare ai bambini a stare attenti a ciò che leggono sulla rete.
Secondo me è una cosa fondamentale, ma sono certo del fatto che le nuove generazioni siano molto più intelligenti di quelle precedenti… La diffusione delle bufale infatti ha un riscontro maggiore nei miei coetanei e nelle persone di mezza età, che sono nuove del web e che quindi cascano più facilmente in queste “burle”.
La bufala in generale, ci affascina, ci seduce nell’intimo… Perché in fondo a volte speriamo che quella notizia che stiamo leggendo sia vera.
Ma quello che era nato come uno scherzo, adesso ha preso una piega molto ostile, spesso le notizie false rasentano il cattivo gusto, soprattutto quelle a sfondo razzista/omofobo.
Per fortuna esistono siti web creati per contrastare questo fenomeno come Bufale.net, Butac.it, Davidepuente.it e l’importantissimo e pioniere della causa Paolo Attivissimo con il suo blog, il Disinformatico.
Tornando invece ai De Complottis, puoi svelarci qualche nuova stramba teoria di Edmondo?
Nel primo capitolo del secondo volume, Si parlerà della Teoria Del Gameboy, ma non posso anticiparvi nulla, purtroppo. Ci tengo a dire però che il secondo volume non sarà una raccolta di strisce, ma un fumetto che sembra un fumetto ed è un fumetto.
Ma… Possiamo fargli una domanda?
Certo, è qui con me, ma in realtà è davanti alla finestra che spia i vicini (secondo lui sono rettiliani mandati dal Governo per spiarlo)
La scimmia di Gabbani è rettiliana?
La domanda corretta sarebbe… Gabbani è un rettiliano? Un cantante italiano che a Sanremo canta un pezzo pieno di citazioni colte non si è mai visto… Non ti puzza di extraterrestre?
Il saluto di Vincenzo “Zerov” Salvo ai suoi fans
Volevo dire ai sostenitori accaniti dei De Complottis e che seguono la pagina omonima su Facebook che mi farò perdonare della mia prolungata assenza, in quanto sto lavorando sodo per loro! E Vorrei ringraziarti per le belle e curiose domande che mi hai posto, cioè insomma, per l’intervista, conscio del fatto che sai di rischiare grosso e che domani avrai i complottisti d’Italia alle calcagna per aver diffuso ulteriormente uno strumento di disinformazione di massa come i De Complottis!

Ringraziamo “Zerov” per la sua disponibilità e gentilezza
INFO SUI DE COMPLOTTIS – Per ammirare i lavori di Vincenzo Salvo è disponibile la pagina facebook.com/decomplottis/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here