Intervista a Brian Freeman, lo scrittore americano si racconta a CronacaTorino

Brian Freeman racconta i suoi mondi tra la pandemia, l'amore per l'Italia e il suo Jason Bourne

Una intervista speciale per questa domenica di aprile e che segna anche l’inizio di un nuovo viaggio. Ospite di oggi è lo scrittore americano Brian Freeman. Il creatore di Jonathan Stride ci ha raccontato l’anno della pandemia, il nuovo libro “Infinite“, l’amore per l’Italia e l’approccio al mondo di Jason Bourne.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Brian, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

In che mondo terribile abbiamo vissuto nell’ultimo anno. Il mio cuore va a tutti i miei fan che hanno perso persone in questa pandemia – e anche a coloro che hanno visto le loro vite sconvolte da blocchi, perdite di posti di lavoro e battute d’arresto finanziarie. Fortunatamente, Marcia ed io siamo rimasti in buona salute durante quest’anno, ma sentiamo la solitudine e la frustrazione che provano tutti. Vogliamo tutti tornare alle nostre vite!
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
Come scrittore, sono abituato a essere “bloccato” tutto il tempo, ovviamente. In genere esco regolarmente per partecipare a eventi di persona, ma sono stati tutti cancellati l’anno scorso, il che mi ha dato ancora più tempo per scrivere. Ma avere più tempo non è l’unico pezzo del puzzle. Per scrivere, devi mettere da parte il mondo reale e immergerti nei mondi creati. È difficile quando il mondo reale è così opprimente. Quindi, in molti modi, il processo di scrittura è stato molto più difficile durante la pandemia.
Cosa sta succedendo sul pianeta Brian Freeman?
Sono più impegnato di quanto non sia mai stato! Per molto tempo ho scritto un libro all’anno. Adesso sembra una vacanza. Ho contratti attivi con quattro diversi editori, quindi ho scritto tre libri l’anno scorso e farò lo stesso quest’anno e l’anno prossimo. È incredibilmente impegnativo, ma i progetti sono tutti così diversi che li trovo creativamente stimolanti. Adoro poter lavorare con così tanti personaggi diversi e raccontare storie così diverse.
Il personaggio di Jason Bourne è qualcosa di iconico nella letteratura. Come è stato il primo approccio al mondo di Bourne?
Sì, uno dei miei progetti più entusiasmanti è stato rilevare la serie di Jason Bourne di Robert Ludlum. Che onore! Sono cresciuto come un grande fan di Ludlum e THE BOURNE IDENTITY è stato uno dei miei thriller preferiti di tutti i tempi. È stato un po’ intimidatorio entrare nei panni di Ludlum e Bourne, ma mi sono ricordato che la cosa principale come scrittore era assaporare l’opportunità e divertirsi. Inoltre, mi sono reso conto che conosco Jason Bourne da 40 anni, più a lungo di tutti i miei personaggi, quindi è stato molto naturale entrare nella sua testa.
Puoi dirci di più sul tuo nuovo libro dalla serie Bourne?
Ci sono state così tante iterazioni di Jason Bourne nel corso degli anni. Ludlum scrisse tre romanzi di Bourne risalenti al 1980. Eric von Lustbader subentrò e scrisse molti altri libri dopo la morte di Ludlum. E, naturalmente, abbiamo tutti i grandi film di Matt Damon. Quindi volevo portare Bourne nell’era presente in una versione completamente nuova che ravviva ciò che lo ha reso un eroe così iconico e duraturo. Questo è l’originale Bourne di Ludlum, un uomo fratturato che lotta per capire chi è. Ma la trama e i personaggi secondari sono tutti moderni e nuovi. È un riavvio completo, quindi i lettori non devono aver letto nessuno dei libri precedenti per godersi il mio.
Jonathan Stride è uno dei personaggi più interessanti della letteratura moderna. Quanto di Jonathan Stride c’è in Brian Freeman?
Probabilmente sono più vicino a Stride emotivamente di qualsiasi altro personaggio. Lui e io abbiamo percorso una lunga strada. Stride è stato il mio primo eroe, e ora ci sono dieci libri che lo caratterizzano. Lo conosco bene, ma non sono sicuro che ci sia molto di lui in me – o viceversa. Stride è sé stesso, intenso, determinato, ossessionato. È molto simile all’ambientazione di Duluth in cui vive. È un posto estremo e devi abbassare la testa e continuare ad andare avanti anche di fronte al vento pungente.
Il tuo libro “Infinite” è molto particolare. Puoi dire ai fan italiani cosa devono aspettarsi dal tuo nuovo capolavoro?
Amo INFINITE! È la storia più insolita che abbia mai creato, ma penso che i lettori apprezzeranno il viaggio. Il concetto si basa su una strana teoria della meccanica quantistica secondo cui con ogni scelta che facciamo, viene creato un universo parallelo in cui facciamo la scelta opposta. Ma se ci fosse un modo per accedere a quegli universi paralleli? E se una versione di te stesso proveniente da un altro mondo volesse impadronirsi della tua vita? Questa è la premessa dietro INFINITE. Sfiora i confini della fantascienza, ma in realtà è una storia di redenzione molto emozionante – la storia di un eroe che ha commesso degli errori e si chiede se ci sia una seconda possibilità per uomini come lui.
Come si crea un libro? Da dove viene l’ispirazione?
Da molti posti. A volte è un vero crimine della vita che ha elementi interessanti che posso adattare in un libro. A volte è solo un’idea per una scena che deve dare corpo a una trama. Tengo un file di temi, idee e personaggi, insomma cose che potrebbero creare storie interessanti. Poi comincio a farmi molte domande. E se fosse successo? E se avessimo un personaggio con questo tipo di background? Riempio blocco note dopo blocco note mettendo insieme la storia prima di iniziare a scrivere. E poi, ovviamente, non appena inizio a mettere le parole sulla pagina, di solito cambia completamente!
Parlando delle tue storie. C’è un libro che ha un significato particolare per te?
Beh, penso che i miei lettori sappiano che mi piace scrivere thriller emotivi e psicologici. Devi continuare a girare le pagine per scoprire cosa succede dopo, ma anche i personaggi dovrebbero farti battere il ​​cuore. Sono particolarmente affezionato ai miei recenti romanzi stand-alone: THE DEEP, DEEP SNOW (finalista dell’Edgar Award quest’anno), THIEF RIVER FALLS e INFINITE. Sono tutti thriller tortuosi e frenetici con un nucleo emotivo. Spero che arrivino presto in Italia!
Progetti per il prossimo futuro?
Sto lavorando a un nuovo libro Stride in questo momento! Poi ho un altro stand-alone da scrivere, seguito dal prossimo romanzo di Jason Bourne. Quindi sì, mi tengo occupato…
Come sai, siamo italiani. Hai ricordi speciali legati al nostro Paese?
Sono stato in Italia quando ero adolescente e ho viaggiato in città incredibili come Roma, Venezia e Firenze. Ho adorato il paese: la gente, il cibo, la storia, il paesaggio. Io e Marcia siamo stati in tanti, tanti posti, ma non siamo mai stati in Italia insieme e spero che potremo fare un viaggio lì.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Dico sempre che i miei fan italiani sono i migliori al mondo! Sono così cordiali e meravigliosi nello scrivermi. So che è stato un anno difficile per tutti voi e spero che i miei libri aiutino un po’. Quindi, per favore, continuate a inviarmi e-mail e a postare su Facebook! Amo sentire tutti voi.
(Alessandro Gazzera)

Si ringrazia Brian Freeman per la gentilezza e la disponibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here