Furti in appartamento Torino, arrestata banda specializzata

Da un controllo accurato effettuato nello stabile, gli operatori di Polizia avrebbero rilevato che erano state forzate le porte di ingresso di 2 alloggi.

PoliziaGli agenti della Squadra Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale sono intervenuti in via Garizio, in zona Piazza Rivoli, ove una cittadina italiana avrebbe segnalato un probabile furto in atto in uno stabile di fronte al proprio.
Secondo quanto spiegato, la donna avrebbe notato alcuni soggetti applicare delle calamite al portone di ingresso dello stabile di fronte, pertanto, allarmata avrebbe avvisato il 113. La prima Volante intervenuta avrebbe così un cittadino georgiano di 26 anni che si trovava sul marciapiede antistante lo stabile, con chiare funzioni da palo. Questi, alla vista della pattuglia, avrebbe tentato infatti di effettuare una telefonata per avvisare i complici, ma veniva tempestivamente fermato.
Altri agenti giunti sarebbero entrati poi nel palazzo perlustrando anche il cortile; sorprendevano e qui avrebbero sorpreso un secondo soggetto di origine bulgara.
Infine, in base a quanto appurato, al terzo piano dello stabile, sarebbero stati sorpresi altri 2 individui, un cittadino georgiano ed un cittadino ucraino di 26 e 27 anni, che stavano scappando per le scale.
Il cittadino ucraino sarebbe stato trovato in possesso di due spadini in metallo e di 250 euro in contanti: il cittadino georgiano, invece, avrebbe avuto in tasca 9 calamite di ridotte dimensioni e dalla forma circolare. Da un controllo accurato effettuato nello stabile, gli operatori di Polizia avrebbero rilevato che erano state forzate le porte di ingresso di 2 alloggi. Inoltre, nascosti in alcuni vasi di piante sui pianerottoli sarebbero stati rinvenuti altri spadini, brugole e chiavi mezze fisse (il cosiddetto “kit della chiave bulgara”). Sequestrati a carico degli arrestati 6 telefoni cellulari, comprese le schede sim, alcune delle quali erano state abbandonate dai malviventi nel tentativo di fuga.
Foto in evidenza: wikipedia.org