Intervista a Steve Maggiora, c’è un po’ di Asti nella nuova formazione dei Toto

Il 2020 ha portato una nuova formazione dei Toto. La band di "Africa", "Hold the Line", "Rosanna" e di molti altri successi ha accolto tra le sue fila il nostro ospite di oggi, Steve Maggiora

Il 2020 ha portato una nuova formazione dei Toto. La band di “Africa”, “Hold the Line”, “Rosanna” e di molti altri successi ha accolto tra le sue fila il nostro ospite di oggi: Steve Maggiora.
Steve ci ha voluto raccontare un po’ della sua musica, ma anche delle sue origini astigiane di cui va davvero molto fiero.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Steve, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ciao, Alessandro! Il Covid ha decisamente cambiato le nostre vite in tutto il mondo. Per molti di noi, specialmente musicisti e artisti come me, è stato agrodolce. Ho provato dall’inizio della pandemia a cercare i lati positivi.
Gli spettacoli sono finiti, i tour sono finiti, eppure ho capito subito che non c’era molto che potessi fare per cambiare la situazione. A marzo, ho deciso di sfruttare questo periodo di incertezza per concentrarmi sulle cose che POSSO controllare.
Con tutto il tempo libero ho deciso di fare le cose che non avevo tempo di fare quando il mondo era “aperto”. Ho scritto di più, ho collaborato di più con altri artisti e ho usato la mia abilità artistica per cercare di liberare un po’ di positività in questi tempi così incerti. Mi sveglio la mattina, o anche al pomeriggio, e mi siedo con carta e penna alla tastiera e cerco di guidare le mie paure e frustrazioni verso la creatività.
Sono tornato alla passione per la musica, contattando altri musicisti, cantautori e artisti tramite FaceTime o Facebook Messenger con l’intenzione di connetterci, commiserarsi e collaborare senza preoccuparsi di pagamenti o compensi, ma piuttosto solo per tornare a creare per amore della musica. Insomma fare quello che abbiamo fatto in tutti questi anni prima che diventasse la nostra professione.
Per i primi due mesi ho collaborato con i locali e i ristoranti di amici per fornire opzioni di live streaming mentre loro passavano all’attività di sola consegna nel tentativo di restare aperti. Mi ha dato un senso di scopo che ha calmato gran parte della depressione, dell’ansia e dell’impotenza che sono sicuro che la maggior parte di noi ha provato quest’anno.
Nuova esperienza con Toto. Come ti senti a riguardo?
Sono più che eccitato e onorato di far parte di questo progetto! L’intero team è stato così umile e accogliente e la musica trascende le classifiche. Le prove sono state piene di professionalità, jam epiche e tonnellate di risate. Sono davvero entusiasta che il mondo veda e provi questa nuova formazione!
Come è nata la possibilità di entrare a far parte della band?
Sono stato amico del figlio di Steve, Trev Lukather, negli ultimi dieci anni e abbiamo lavorato insieme a diversi progetti. Quando la posizione di Steve Porcaro doveva essere coperta da qualcuno, Trev mi ha consigliato.
A dicembre 2019 ho ricevuto una chiamata per fare alcuni video di me che suonavo e cantavo alcune canzoni del loro repertorio. Dovevo inviare tutto a Luke che mi ha chiamato il giorno dopo e mi ha chiesto di andare a casa sua a Los Angeles per un’audizione informale con lui e Joe Williams.
Abbiamo preso un caffè e poi ci siamo seduti intorno al pianoforte cantando alcune delle melodie. Ero seduto ai tasti, Joe era in piedi all’estremità del piano e Luke suonava la chitarra acustica e cantava con il piede sulla panca del pianoforte accanto a me. Mi hanno fatto provare varie canzoni, esplorando la mia estensione vocale. Joe mi chiedeva di cantare in falsetto, poi a piena voce, vibrato, non vibrato, ecc.
Dopo circa 20 minuti, mi hanno chiesto di cantare uno dei miei brani per loro, e basta. Si sono incontrati in cucina per qualche minuto, poi mi hanno stretto la mano e hanno detto “Benvenuto nella band”.
C’è una canzone che ti piace particolarmente del repertorio di Toto?
I Toto hanno così tanti successi, ma quello che spicca per me è “White Sister”. Quella canzone per me rappresenta tutti gli elementi che rendono i Toto una band così leggendaria. Grande groove, ottimi riff, grandi armonie e quell’atmosfera Rock’n’Roll che ti fa venire voglia di alzare il pugno in aria e cantare a squarciagola.
Qual è stata la tua introduzione alla musica? Cosa ti ha convinto a iniziare a suonare?
Mio padre, Robert Maggiora, è un musicista professionista da prima che io nascessi. È un abile fisarmonicista che guida una delle prime band dell’Oktoberfest nella Bay Area di San Francisco. Sono cresciuto andando ai suoi concerti e sin da piccolo cantando una o due canzoni con la band.
La gioia che le sue band “The Internationals” e “Chico Bavarian Band” hanno portato ai loro fan è sempre stata palpabile, e il cameratismo dei membri della band non è secondo a nessuno. Posso dire che mi ha sempre ispirato a costruire qualcosa di simile per la mia vita. Una band, in fondo, è una famiglia.
I membri possono andare e venire come accade in ogni aspetto della vita, ma quella connessione con la band è qualcosa che pochissime persone riescono a sperimentare. Mi sento così per i miei fratelli nella mia band “Robert Jon & The Wreck”, e sono entusiasta di avere l’opportunità di sperimentarlo anche con i Toto!
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
Per me l’ispirazione arriva da ogni dove. L’arte imita la vita e può anche abbellirla. Esistono milioni di modi diversi per creare una canzone.
A volte proviene da una lirica che ti rimane impressa, a volte proviene da una melodia che ti rimane bloccata in testa e a volte è ispirata da qualcos’altro che stai ascoltando. Normalmente il mio processo di scrittura delle canzoni inizia con un’idea o una sensazione che sto cercando di esplorare. Una delle mie canzoni preferite che ho scritto negli ultimi tempi l’ho scritta insieme al mio buon amico e straordinario suonatore di B3, Bob Fridzema. Sebbene avessimo lavorato agli stessi progetti, e una volta lui ha preso in prestito la mia tastiera mentre era in California per registrare il disco “Beaux Gris Gris & The Apocalypse”, ci siamo incontrati per la prima volta di persona in “Keeping the Blues Alive at Sea” di Joe Bonamassa Mediterranean Cruise nell’agosto 2019, mentre era in tour con Joanne Shaw Taylor e io con Robert Jon & The Wreck.
Siamo diventati subito amici e dopo poche settimane di blocco, abbiamo organizzato una sessione di co-scrittura su FaceTime. La prima ora è stata spesa principalmente per parlare di tutto il lavoro che è scomparso di colpo durante la pandemia. Non volevamo scrivere solo una canzone pandemica o sulla quarantena e siamo quindi arrivati ​​a scrivere una canzone sul dolore per tutti i nostri concerti perduti. Li abbiamo descritti come una amante e parlato del desiderio che provavamo. È stato un concetto interessante da scrivere e adoro i testi che abbiamo creato.

“Work’s gone, and my money too
Saturday night with nothin to do
I’m gettin tired of being all alone
Gettin all dressed up just to stay home
Yeah I don’t know where you gone babe
But I’ve been waiting for you
Oh the way you always come around sundown
You always get me goin, baby
But now you been gone for much too long, honey
And I never wanna go through this again
I been waiting for you”

Bob ha registrato il B3 nello studio di casa sua, in Danimarca, e io ho registrato la voce e Wurlitzer a casa mia a Costa Mesa, in California. Abbiamo preso Jake Hayden alla batteria dal suo studio a North Hollywood, i miei compagni di band RJTW Warren Murrel al basso e Henry Schneekluth alla chitarra, così come il grande Jon Amor dal Regno Unito alla chitarra e Pauli Cerra della band di Bonamassa al sassofono dal suo studio a Glendale.
È stato incredibile vedere questa unione da tutto il mondo. La canzone “I Been Waiting For You” è disponibile sulla mia pagina Patreon: patreon.com/stevethewreck
Progetti per il prossimo futuro?
Al momento, continuo a creare e pubblicare nuova musica ogni martedì e giovedì sulla mia pagina Patreon, che va da semplici demo ad album completamente prodotti a seconda della settimana.
Con “Robert Jon & The Wreck” stiamo lavorando al nostro nono album e probabilmente lo faremo uscire nel 2021. Il mio programma per i tour inizia con “Robert Jon & The Wreck” il 2 maggio nel Regno Unito fino alla fine di metà luglio al festival Bospop nei Paesi Bassi, il tutto seguito dal tour dei Toto che deve ancora essere annunciato. Ovviamente vedremo cosa succede nel mondo, poiché tutto purtroppo è ancora soggetto a cambiamenti. Potete saperne di più sulle date dei prossimi spettacoli su totoofficial.com e robertjonandthewreck.com.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Ce ne sono tanti! Mi sento come se avessi vinto il jackpot lavorando con i ragazzi dei Toto, quindi non voglio assolutamente sembrare avido. Detto questo, alcuni dei miei migliori artisti con cui mi piacerebbe lavorare sono, senza un ordine particolare: Stevie Wonder, John Mayer, Elton John e Dolly Parton.
Siamo italiani. Hai ricordi speciali del nostro Paese?
Quando avevo 13 anni sono stato in Italia per la prima volta. Mio padre è nato ad Asti e la maggior parte della sua famiglia vive ancora in Piemonte. È stato meraviglioso stare lì e vedere dove sono cresciuti i miei nonni e incontrare la maggior parte della mia famiglia italiana per la prima volta.
Crescere in una famiglia matriarcale italiana è sempre stato speciale per me. Ha influenzato gran parte della mia vita e chi sono come uomo oggi. L’importanza della famiglia, dei pasti condivisi e della musica è permeata in ogni aspetto della mia vita e, anche se non parlo molto bene l’italiano, avere quel legame è sempre stato molto importante per me.
In quel viaggio abbiamo girato il paese per tre settimane e mi sono innamorato dell’Italia. Da allora, sono stato lì solo una volta finora con “Robert Jon e The Wreck” nel 2016 e abbiamo suonato al Red Moon Festival fuori Venezia. Mi piacerebbe tornare e trascorrere più tempo e, si spera, avere l’opportunità di farlo nel 2021!
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Tenete la testa alta. Sentite le persone che amate. Cercate i lati positivi e le opportunità di crescita personale in mezzo a tutto questo caos. Esplorate le cose che potreste esser stati troppo impegnati per provare prima. Imparate un nuovo strumento, scrivete i vostri pensieri e i sentimenti, create arte se questo è ciò che vi si addice. Cantate ad alta voce. La vita è troppo breve e incerta per spenderla facendo cose che non ci soddisfano. Condividi la musica che ami con le persone che ami. Siate gentili gli uni con gli altri. Siate gentili con voi stessi. Anche il vino aiuta!
Grazie per avermi ospitato! Mando tanto amore a tutti voi dalla California! (Alessandro Gazzera)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here