Torino – Juventus 0 a 2 Serie A, scudetto vicino per bianconeri e salvezza più difficile per i granata

Oggi, presso lo Stadio Olimpico di Torino, si è svolta la partita tra Torino e Juventus, il cosiddetto Derby della Mole, gara valida per la 34esima giornata di Serie A.

 

Si affrontano oggi due compagini dalle aspirazioni profondamente diverse: divise da ben 41 punti, la Juventus lotta per ottenere la matematica vittoria dello scudetto, mentre il Torino la matematica della salvezza. Per farlo entrambe le squadre possono contare sull’intero organico, fatta eccezione per alcuni squalificati nel Torino (Vives e Darmian.)

 

PRIMO TEMPO – Sotto una fitta pioggia, comincia l’incontro. I primi minuti sono di studio, ma il Torino si propone di più, con un Bianchi tutto grinta e fiato. Tuttavia, al 12’ la prima occasione del match è bianconera. Pogba verticalizza benissimo per Vucinic che, a tu per tu con Gillet sul lato destro, manda di molto fuori, disperandosi. Quest’occasione da il via al forcing juventino e 5 minuti dopo il portiere granata è costretto a respingere di pugno una conclusione a giro di Marchisio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Un minuto dopo è sempre la Juventus a rendersi pericolosa ma Glik spazza bene dopo una serie di rimpalli in area. Al 26’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, arriva la prima occasione granata: Bianchi colpisce la palla di testa, ma in malo modo. Dopo alcuni minuti con pochi sussulti, al 43’ è Santana a impegnare severamente Buffon, con un destro a giro dal vertice sinistro dell’area di rigore. Con quest’occasione e con un Torino in crescita si chiude il primo tempo.

 

SECONDO TEMPO – Comincia la ripresa ed è sempre la pioggia e l’ospite sgradito della partita. La precipitazione rende difficile il gioco, che stenta a decollare nella prima mezz’ora, senza occasioni di rilievo. All’81’ occasionissima per i granata: Cerci si invola sulla fascia e serve in area Jonathas, che da due passi non aggancia, forse a causa di una trattenuta di Bonucci. Quattro minuti dopo ed è Pogba a ripetersi, sbagliando anch’esso da due passi. Tuttavia, il risultato è destinato a cambiare. All’85’, Pirlo serve bene Vidal ai 25 metri, che stoppa di petto e gira un potente destro alla sinistra di un impotente Gillet. La Juventus è in vantaggio a 5 minuti dalla fine. Oltre al danno, la doppia beffa per i granata: Glik spintona Bonucci due volte nell’arco di 10 minuti, subendo due cartellini gialli consecutivi e quindi l’espulsione, inflittagli da Bergonzi al 90’. Per il polacco sono due derby consecutivi con espulsione. Al 92’ la Juve chiude la partita: sugli sviluppi di una punizione di Pirlo, Quagliarella fa da sponda a Marchisio, che insacca senza problemi. Sullo 0-2 termina la partita.

 

IL PUNTO – Così, la Juve si avvicina all’obiettivo, mentre il Toro perde altri tre punti rispetto alle inseguitrici, garantendo ai propri tifosi il solito finale di campionato “thrilling”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Fiorentina – Torino 4 a 3, ai granata non basta la rimonta e riparte la sofferenza

Torino – Roma 1 a 2 Serie A, una sconfitta che riavvicina i granata al baratro della retrocessione

Bologna – Torino 2 a 2 Serie A, i granata acciuffano il pareggio a tempo ormai scaduto

Matteo Maero

Foto:wikipedia.it