La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 lotta ma non basta: Conegliano passa 0-3

Espugnato il PalaFenera, non basta il cuore delle chieresi

reale-mutua-fenera-chieri-76-lotta-non-basta-conegliano-passa-0-3CHIERI – Con tre set quasi in fotocopia la Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano espugna 0-3 il PalaFenera, centra la vittoria consecutiva numero 72 ed eguaglia il record italiano della grande Teodora Ravenna di Sergio Guerra. Chapeau.
Tutti i tre parziali terminano 22-25, punteggio che racconta fedelmente l’andamento della gara. Una volitiva e generosa Reale Mutua Fenera Chieri ’76 getta il cuore oltre l’ostacolo, lotta e resta in corsa per gran parte dell’incontro, ma non basta: nei finali viene fuori la forza delle pluricampionesse venete che, pur senza De Gennaro e Sylla (rientrata in campo ma impiegata col contagocce in seconda linea), non lasciano scampo alle ragazze di Bregoli.
Il premio di MVP va a Egonu che risulta anche la top scorer con 20 punti. Dall’altra parte della rete la miglior realizzatrice è Grobelna con 18 punti.

Reale Mutua Fenera Chieri ’76-Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano 0-3 (22-25; 22-25; 22-25)
REALE MUTUA FENERA CHIERI ‘76: Bosio 1, Grobelna 18, Alhassan 6, Weitzel 1, Villani 4, Cazaute 15; De Bortoli (L); Mazzaro 4, Frantti 2, Piovesan. N.e. Bonelli, Guarena, Armini, Fini (2L). All. Bregoli; 2° Sinibaldi.
PROSECCO DOC IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Wolosz 2, Egonu 20, De Kruijf 9, Folie 7, Plummer 10, Courtney 11; Caravello (L); Giulia Gennari, Frosini, Sylla. N.e. Omoruyi, Butigan, Vuchkova, De Gennaro (2L). All. Santarelli; 2° Lionetti.
ARBITRI: Bassan di Milano e Santoro di Varese.
NOTE: presenti 904 spettatori. Durata set: 25’, 25’, 29’. Errori in battuta: 8-6. Ace: 4-4. Ricezione positiva: 51%-62%. Ricezione perfetta: 42%-44%. Positività in attacco: 42%-47%. Errori in attacco: 5-7. Muri vincenti: 6-9. MVP: Egonu.

La cronaca
Primo set – Molto combattuto il primo scambio che termina a favore di Chieri per un’invasione ospite. Appannaggio di Conegliano i successivi quattro punti (Courtney, De Kruijf, Egonu in attacco e in battuta), e sull’1-4 Bregoli chiama il primo time-out. Al rientro in campo le biancoblù trovano il ritmo, recuperano, pareggiano a 6 (attacco fuori banda di Plummer) e passano a condurre 7-6 con Grobelna. Il vantaggio chierese tocca i 3 punti sull’11-8 (ace di Cazaute). Conegliano capovolge il punteggio con De Kruijf che giganteggia a muro (13-15), ma con Villani le padrone di casa tornano sopra 17-15. Segue il controsorpasso veneto a 19-20 (Plummer). Il set si decide quando sul 21-22 entra Frosini, i cui incisivi servizi propiziano il break a 21-24. Conegliano chiude 22-25 per un’invasione chierese.

Secondo set – La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 torna in campo con Mazzaro al posto di Weitzel. L’avvio è tutto di marca ospite (1-5 su servizio di Egonu). Un muro di Cazaute scuote le biancoblù che riducono il ritardo e pareggiano a 11 (ancora Cazaute). Su servizio di De Kruijf la squadra di Santarelli torna a +4 (12-16). Nel momento più delicato Chieri si aggrappa al muro di Mazzaro e Alhassan, ritrovando la parità a 17-17 con una pipe di Frantti a conclusione di uno spettacolare scambio e grandi difese su entrambi i lati. Con azioni di altissimo livello si prosegue punto a punto fino al 22-22. Un contrattacco vincente di Egonu dopo due attacchi chieresi difesi valgono il 22-23, quindi Plummer e un muro di De Kruijf su Grobelna sanciscono il 22-25.

Terzo set – Mazzaro viene confermata nel sestetto biancoblù, e dopo pochi scambio Frantti rileva Villani. L’inizio è di nuovo tutto di marca ospite (1-6), quindi seguendo il copione delle prime due frazioni Chieri si riavvicina e dopo una lunga fase di punto a punto passa a condurre 18-17 (Grobelna). Set e partita si decidono sul 20-21: dopo l’attacco fuori di Frantti entra Frosini e, come già nel primo set, il suo turno di battuta scava il solco (20-23). Grobelna sigla il 21-23 e annulla la prima palla match veneta (22-24). Al secondo tentativo Conegliano fa scendere i titoli di coda con Folie.

Il commento
Kaja Grobelna: «Non abbiamo giocato male, anzi siamo state attaccate alla partita a lungo. Sapevamo che sarebbe stato difficile gestire Conegliano nei momenti chiave dei parziali. Ora testa alla prossima, è stato un bel test ma andiamo avanti».

Paola Egonu: «Non pensavamo tanto al record ma è arrivato. Andiamo avanti con il nostro percorso, stiamo facendo tante prove e dobbiamo ancora trovare un equilibrio. Possiamo migliorare ancora, anche se oggi possiamo anche essere contente per il rientro di Miriam Sylla in campo. Non vedo l’ora che possa tornare anche in prima linea a fare quello che le riesce meglio».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here